bonus bebè

Bonus nascita a tutti i dipendenti

Bonus bebè

Bonus nascita a tutti i dipendenti. Baby bonus, così è detta l’iniziativa per aiutare le famiglie dei dipendenti di una nota azienda italiana.
Un aiuto economico che da quest’anno spetta non solo alle neo-mamme, ma anche ai neo-papà che lavorano in questo gruppo.

Baby bonus ai neo-genitori

bonus bebè requisiti

In Italia si registra un costante calo delle nascite, nonostante le diverse agevolazioni che lo Stato offre ai neo-genitori. I dati ISTAT parlano chiaro: negli ultimi anni per le nascite è stato raggiunto il minimo storico. Basti pensare che nel 2016 i nati sono stati circa 464 mila, circa 100 mila in meno nell’arco di 8 anni.
Il nostro è un Paese sempre più vecchio. Le motivazioni sono tante ma principalmente dipese dalla situazione economica familiare.
Per combattere tutto ciò, un’azienda italiana ha pensato bene di aiutare tutti quei dipendenti diventati da poco neo-genitori.
Il gruppo in questione è Brazzale, che da anni ormai opera in provincia di Vicenza e non solo, contando poco più di 500 dipendenti.
Vediamo in cosa consiste il bonus bebè offerto ai loro dipendenti: un’iniziativa tutta made in Italy, avviata quest’anno.

Speciale bonus per i dipendenti

A sostegno delle famiglie, il gruppo Brazzale ha pensato bene di aiutare i loro dipendenti divenuti da poco genitori.
L’iniziativa nasce dal desiderio dell’azienda di sostenere lo sforzo economico che le famiglie dei loro lavoratori devono e dovranno affrontare per il nascituro.
A dirlo è proprio il presidente Roberto Brazzale, che tiene a precisare:

L’azienda accoglie con entusiasmo le nuove nascite e dovrà sapersi organizzare e far carico di quanto necessario per garantire loro il più sereno utilizzo dei periodi di congedo parentale

neomamma

Un messaggio importante che rasserena i lavoratori nel realizzare il loro progetto di vita: diventare genitore.

L’aiuto economico

A quanto ammonta il contributo offerto dall’azienda vicentina?
Brazzale offre una mensilità in più a tutti i suoi lavoratori che presto diventeranno genitori. La cifra si aggira intorno ai 1.500 euro.
Ma l’azienda ha esteso l’agevolazione anche ai suoi dipendenti in Repubblica Ceca, dove l’importo è di 25 mila Czk.

foto_bonus_nido_confermato

Le uniche condizioni necessarie per ottenere l’aiuto economico sono: lavorare da almeno due anni in azienda ed aspettare un figlio.
Un contributo questo che è mirato a sostenere lo sforzo economico le neo-famiglie devono affrontare.

Un’agevolazione che si aggiunge ai bonus bebè statali, rivolti ai futuri genitori.

Queste le parole pronunciate del Presidente:

Pensavamo da tanto tempo a questa iniziativa. Ora finalmente l’abbiamo messa a punto e speriamo sia utile per la felicità dei nostri collaboratori. Ci sembra, in questo modo, di adempiere ad una responsabilità minima, pensando molto di più alle coppie che vogliono avere bambini e, una volta tanto, un po’ di meno a chi di garanzie e privilegi ne ha già a sufficienza.

Ed aggiunge:

Ci auguriamo che questo gesto sia utile e che in futuro nascano, ai nostri dipendenti davvero tanti bambini. Vogliamo far sentire ai nostri collaboratori la vicinanza dell’azienda nella loro gioia di nuovi genitori.

Sono un'educatrice per l'infanzia. Adoro i bambini ed il loro fantastico mondo. Lavoro attualmente in un asilo nido ed ho ampia esperienza nel campo dell'animazione e dei servizi ricreativi in generale. Pronta per iniziare anche quest'avventura con Passione Mamma!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *