foto_elianne

Bimba in fin di vita dopo incidente in piscina: l’allarme della mamma

Bimba di quattro anni in fin di vita dopo una giornata in piscina

Spesso, anche gli atti ed i gesti apparentemente meno preoccupanti possono avere delle conseguenze letali. È il caso di Elianne, una bambina di soli quattro anni alla quale, dopo un incidente subito nella piscina dei nonni, è stata diagnosticata una polmonite chimica, una polmonite da aspirazione e un edema periilarico.

La storia

A raccontare l’accaduto è stata la mamma di Elianne, Lacey Grace, che sul proprio profilo Facebook ha descritto, momento per momento, l’episodio. Una decisione, quella della donna, maturata nel tempo:

Ho riflettuto tanto sul fatto se valesse la pena o meno raccontare questa storia, ma ho capito che se questa può aiutare a salvare altre vite, allora sì, ne vale la pena.

Ecco cosa è accaduto

Elianne, racconta mamma Lacey, stava passando un sabato in piscina dai nonni, giocando con il tubo di spugna: lei soffiava da un’estremità e faceva uscire l’acqua dall’altra. Poi, il tragico episodio: il caso ha voluto che Elianna mettesse la bocca per soffiare nello stesso momento in cui qualcuno l’ha fatto dall’altra parte, facendo sì l’acqua, nel tubo, tornasse indietro colpendo direttamente la gola.

L’incidente terribile

La piccola Elianne, continua la mamma, ha subito vomitato, non dando però segno di altri sintomi, anzi: mezz’ora dopo l’incidente, assicura la donna, la figlia stava benissimo, mangiava e giocava normalmente. Dopo un weekend passato senza particolari complicazioni, il lunedì la bimba ha preso la febbre.

Una febbre che si è rivelata un incubo

La febbre però non accentuava a diminuire e la donna, preoccupata che lo stato influenzale potesse essere collegato all’incidente successo nei giorni prima, ha deciso di portare la figlia al pronto soccorso.

La sua frequenza cardiaca era pazzesca, il suo ossigeno era basso e la sua pelle stava diventando
viola che suggeriva un’infezione chimica.

ha scritto su Facebook Lacey Grace.

foto_post_mamma

La diagnosi

Arrivate al pronto soccorso, poi, i medici hanno fatto una radiografia al torace della piccola, che ha evidenziato una infiammazione ed una infezione causata dalle sostanze chimiche presenti nell’acqua e nella piscina. Due ore dopo, ricorda la mamma, l’hanno trasferita in ambulanza in un ospedale ancora più grande in modo da poter essere sorvegliata tutto il giorno da specialisti pediatrici.

Elianne ha la polmonite da aspirazione, ora respira grazie all’ossigeno. Hanno cercato di rimuovere i tubi e darle la possibilità di respirare da sola, ma non ce la fa. Ha avuto la sua seconda dose di antibiotico, ma non abbiamo ancora visto i risultati sperati. La sua frequenza cardiaca si è abbassata, quindi questa è l’unica buona notizia finora. Due medici ci hanno detto l’abbiamo salvata in tempo

ha scritto la mamma di Elianne.

La raccolta fondi per aiutare la piccola

La donna ha concluso dicendo poi che la piccola resterà ricoverata in ospedale fin quando i suoi polmoni non si saranno liberati definitivamente dai prodotti chimici, e fin quando non sarà guarita dalla febbre che continua ad essere alta.

Se lei richiede più ossigeno, verremo trasferiti all’ospedale Hopkins All Children’s. Non sappiamo per quanto tempo durerà questa battaglia, ma ringrazio le stelle se ho letto quell’articolo: scriverò una lettera a quel papà, lo garantisco. Non l’avrei mai portata all’assistenza urgente senza aver letto la sua testimonianza, e Dio solo sa come sarebbe finita.

Ecco come fare

Il racconto a cui la donna fa riferimento nel post è quello di un papà del Texas, che su una rivista aveva pubblicato la storia del figlio, morto perché non era stato curato dopo aver inalato acqua dalla piscina. Fortunatamente la piccola Elianne è ancora in vita, ma ha bisogno di cure per poter guarire: ecco perché su Gofoundme.com è stata aperta una raccolta fondi per aiutare la famiglia della piccola ad uscire da questo incubo.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *