foto_pannolino

Come cambiare il pannolino: segreti, metodi e curiosità

Come cambiare il pannolino? Ecco tutto quello che c’è da sapere

Quando si è alle prese con il primo figlio, uno degli interrogativi che si pone la mamma è: come si cambia il pannolino? Anche se sembra un gioco da ragazzi, in realtà molte donne – soprattutto alle prime armi – si chiedono come cambiare il pannolino, quali sono le tecniche migliori e le posizioni da far adottare ai piccoli infanti. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul cambio pannolino neonato.

Come si cambia il pannolino: segreti

Molte donne, probabilmente, danno per scontato il modo in cui si cambia il pannolino, e sebbene questa sia una delle prime immagini che vengono associate all’età infantile, spesso non se ne parla abbastanza. Quali sono le regole ed i segreti da seguire nel momento in cui è necessario cambiare il pannolino dei nostri figli? Vediamolo insieme.

Prima del cambio pannolino: il lavaggio

Innanzitutto, il consiglio iniziale è quello di cambiare spesso il pannolino ai piccoli infanti per evitare arrossamenti ed irritazioni da pannolino. Prima di cambiare il pannolino, dovete lavare i vostri piccoli: è consigliabile utilizzare acqua tiepida – quindi né troppo calda né troppo fredda – ed un sapone delicato per bambini.

lavare pisellino

Nel caso in cui siate fuori casa ed occorre cambiare il pannolino a vostro figlio, portate sempre con voi delle salviette detergenti che siano però specifiche alla pelle degli infanti.

foto_salviette_bambino

Come cambiare il pannolino alle femmine

A seconda del sesso di vostro figlio, cambia il modo di detergerli. Se è femmina, ricordate che il lavaggio va eseguito da avanti verso indietro per non trasportare batteri ed impurità verso i genitali. Asciugate poi vostra figlia tamponandola, soprattutto nelle pieghe della pelle. Anche in questo caso fate attenzione che l’asciugamano non sfreghi troppo la vostra bimba. Ecco cosa spiega l’ostetrica:

foto_salviette_bambino

Cambio pannolino maschietto

Più delicato – e talvolta divertente – è il caso in cui dovete cambiare il pannolino ad un maschietto. In questa circostanza, il rischio di venire bagnati dalla pipì di vostro figlio è più frequente, ecco perché è una pratica che richiede più attenzione. Tenete sempre a portata di mano un secondo asciugamano col quale pulire le eventuali perdite urinarie del piccolo e da tenere sul davanti al momento del cambio pannolino.

come pulire pisellino

C’è un segreto per evitare che vostro figlio possa fare capricci: “distrarlo” con degli adesivi da apporre sulla parete vicino al fasciatoio, o dargli dei piccoli giochini: funziona!

Come cambiare il pannolino: asciugatura e crema

Quando dovete cambiare il pannolino ai vostri figli, assicuratevi che la superficie scelta sia ben attrezzata e che abbia tutto il necessario a portata di mano. Dopo aver sdraiato i vostri figli su un fasciatoio, su un letto o su un tavolo, ed averli asciugati per bene, lasciateli per qualche minuto senza pannolino in modo che la loro pelle possa traspirare naturalmente. In secondo luogo, applicate un po’ di crema sulle parti intime dei piccoli: la più consigliata è quella a base di ossido di zinco, la migliore per attenuare le eventuali irritazioni.

quante volte cambiare il pannolino al neonato

Come cambiare il pannolino: i passaggi

Solo a questo punto – dopo aver applicato la crema, dunque – potete prendere il pannolino: per aiutarvi ed essere facilitate, è consigliabile tenerlo già aperto vicino a voi. Sollevate delicatamente vostro figlio prendendolo per i piedi e procedete al cambio del pannolino, poggiandolo sotto il sederino ed assicurandovi che arrivi più o meno all’altezza dei reni. Congiungete poi l’ estremità anteriore con quella posteriore, unendole bene ai lati con gli appositi adesivi, assicurandovi di non stringerli troppo, né troppo poco: è fondamentale questo passaggio per il contenimento!

foto_pannolino

La coccola dopo il cambio del pannolino

Molti esperti sono concordi nel dire che dopo il cambio del pannolino, prima di rimettere a letto o alzare vostro figlio, è bene scambiarvi un un po’ di tempo da dedicare alle coccole. Una dolce carezza sul ventre, o un bacio sulla fronte possono rilassare sia la mamma che il piccolo, facendo apprezzare di più a quest’ultimo il momento del cambio del pannolino, che spesso è veramente odiato!

foto_cambio_pannolino

In molti casi, infatti, il bambino piange e si lamenta perché non vuole farsi cambiare il pannolino. Cosa fare in questi casi? Il segreto è quello di “deconcentrare” vostro figlio facendogli capire, in modo scherzoso e divertente, che il momento del cambio pannolino è fondamentale alla sua igiene; potete anche fare uso di giochi e pupazzetti simpatici con i quali distrarre i bambini. Scopri la soluzione a cui è arrivata mamma Anna:

foto_cambio pannolino

Quante volte cambiare pannolino al neonato

Gli esperti consigliano di cambiare spesso il pannolino ai vostri figli, soprattutto se già sporco. Non esiste un numero fisso di volte per il cambio pannolino, ma in generale cercate di rispettare le esigenze degli infanti: quella del cambio pannolino è una pratica che richiede molta pazienza e molto impegno! In alcuni casi, specialmente nelle prime settimane, è necessario farlo anche per dieci/dodici volte al giorno.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *