Mantenimento figli

Mantenimento figli: da oggi non pagare gli alimenti è reato

Mantenimento figli

Il mantenimento ai figli è uno dei temi più delicati della giurisprudenza. Sono molti i padri che smettono di pagare gli alimenti ai figli nonostante dovrebbero farlo per legge, ma anche le madri in alcuni casi ormai sempre più frequenti. Da oggi, però, non ci sono più scorciatoie: i genitori sono obbligati a pagare l’assegno di mantenimento ai figli. Non farlo equivarrebbe a un reato. A stabilirlo è l’articolo 570 bis del codice penale che entra in vigore il 6 aprile 2018 e segna una svolta storica del diritto familiare.

Il nuovo articolo 570 bis è stato introdotto nel codice penale dal decreto n. 21/2018. L’articolo ha il compito di legiferare sulla violazione degli obblighi di assistenza familiare in caso di separazione o scioglimento del matrimonio. L’articolo 570 bis introduce nuove e significative regole che cambiano radicalmente la materia sugli assegni ai figli. Da oggi infatti i padri e le madri che non pagheranno gli alimenti andranno a commettere un reato che verrà duramente punito dalla legge. Chi si sottrae agli obblighi derivanti dal matrimonio, in seguito a separazione e divorzio, ma anche chi non rispetta quelli stabiliti per figli nati fuori dal matrimonio, sarà duramente punito.

Assegno mantenimento figli

Cosa rischia un genitore che non paga l’assegno di mantenimento ai figli? L’articolo 570 bis prevede una multa fino a 1032 euro e addirittura fino ad un anno di carcere. Chi si sottrae agli obblighi economici derivanti dalla separazione, divorzio o regolamenti per figli nati fuori dal matrimonio, andrà incontro a pene molto severe.
Anche non versare l’assegno di separazione per il coniuge diventa reato.

assegno mantenimento figli

Mantenimento figli maggiorenni

Se l’assegno di mantenimento ai figli minorenni va pagato sempre, ai figli maggiorenni no. Il genitore può non versare l’assegno per il figlio maggiorenne, se i genitori sono separati o se non sono sposati. Se invece i genitori sono divorziati pagare il mantenimento è necessario e non farlo costituirà reato.

Leggi anche: Separazione, come aiutare il bambino a superare il trauma

Alimenti ai figli

Dopo una separazione, i genitori dovranno quindi pagare gli alimenti ai figli ,secondo quanto stabilito dal giudice, indipendentemente dalle condizioni economiche in cui l’altro coniuge versa. Non è quindi necessario che il genitore che si occupa dei figli sia sul lastrico. Non pagare la somma prevista dal giudice costituirà un reato. Ovviamente sarà proprio il giudice a stabilire l’entità della cifra da pagare al figlio: la scelta è presa analizzando vari criteri. Fino a questo momento la materia era disciplinata dall’art. 570: era reato solamente far mancare i mezzi di sussistenza ai figli, come il cibo o il vestiario. Prima, quindi, se un genitore, che avrebbe dovuto pagare 100, dava 50, non era ritenuto reato. Da oggi, invece, è reato non pagare quanto stabilito dal giudice, quindi in quest’ultimo caso, sottraendosi al pagamento dell’assegno di mantenimento previsto, sarebbe duramente punito dalla nuova legge.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *