molluschi in gravidanza

Molluschi in gravidanza: perché vanno evitati

Molluschi in gravidanza

Si possono mangiare molluschi in gravidanza? I molluschi in gravidanza sono da evitare oppure no? Rientrano tra i cibi vietati in gravidanza? Sui molluschi e crostacei in gravidanza i pareri sono discordanti: scopri in questo articolo come comportarti davanti a un piatto di frutti di mare in gravidanza!

Come già sottolineato, ci sono dei pareri discordanti sul consumo di molluschi in gravidanza. Secondo alcuni specialisti i molluschi e crostacei in gravidanza si possono consumare, a patto che siano ben cotti. Secondo il parere di altri, invece, rientrano tra i cibi da evitare in quanto potrebbero arrecare infezioni alla donna in gravidanza e al bambino che porta in grembo.

Molluschi in gravidanza: le infezioni da non sottovalutare

I molluschi in gravidanza – se consumati crudi o semplicemente poco cotti – potrebbero portare ad una serie di gravi infezioni, che creerebbero problemi alla mamma e al feto. In particolare, si parla di tre infezioni che potrebbero compromettere seriamente la gravidanza: la salmonellosi, la toxoplasmosi, la listeriosi.

La salmonellosi è causata da dei batteri – i bacilli della salmonella – che sono presenti nei cibi crudi. Questo disturbo, se contratto in gravidanza, può compromettere lo sviluppo del feto. Nei casi più gravi porta al parto pretermine o alla morte intrauterina.

La toxoplasmosi è un’infezione che viene trasmessa attraverso il consumo di carne cruda o non sufficientemente cotta e in alcuni casi attraverso il contatto con gli animali, in particolar modo i gatti. Questa patologia può arrecare gravi danni al feto, in particolare danni al cervello e agli occhi.

La listeriosi è causata dal batterio Listeria monocytogenes, che può trovarsi in pesce, carne e verdure crude, latte non pastorizzato e latticini come formaggi molli e burro, cibi trasformati e preparati, inclusi hot dog, carni fredde tipiche delle gastronomie, insalate preconfezionate. I rischi per il feto? Aborto o parto pretermine.

listeriosi

Vongole in gravidanza

Si possono mangiare le vongole in gravidanza? Diciamo di sì, a patto che siano ben cotte. Mai mangiarle crude: basta la cottura in padella per eliminare i batteri che sono presenti nelle vongole e che possono danneggiare la gravidanza. Da cuocere bene pure le vongole surgelate: sebbene sia controllate a dovere, è opportuno cuocerle per evitare qualsiasi forma di contaminazione. Ma se non volete correre alcun rischio basta fare a meno delle vongole per tutti i nove mesi, in modo da non avere alcun tipo di disturbo o infezione.

vongole in gravidanza

Cozze in gravidanza

Si possono mangiare le cozze in gravidanza? Vale lo stesso discorso delle vongole: si possono mangiare le cozze in gravidanza a patto che siano ben cotte. Ma per evitare qualsiasi tipo di rischio o infezione è bene non consumare le cozze in gravidanza e rimandare a dopo l’allattamento il consumo di questi molluschi. Cozze e vongole possono infatti rivelarsi allergizzanti per il bambino.

cozze in gravidanza

Crostacei in gravidanza

Come per i molluschi in gravidanza, anche i crostacei in gravidanza vanno evitati. Certo, un’adeguata cottura di crostacei e molluschi in gravidanza può spazzare via qualsiasi tipo di problema, ma perché rischiare quando si ha un bambino in grembo?

crostacei in gravidanza

Pesce in gravidanza: quali mangiare e quali evitare

Si può mangiare pesce in gravidanza? Assolutamente sì! Anzi, è fortemente consigliato assumere pesce almeno due volte alla settimana, come in ogni buona e corretta alimentazione. Grazie al consumo corretto di pesce ci si assicura una porzione extra di iodio, di proteine e di preziosi acidi grassi Omega 3. L’importante è che il pesce sia sempre ben cotto, per questo fate a meno per i nove mesi di ingerire sushi in gravidanza e tonno in gravidanza.

Quali pesci in gravidanza mangiare? I prodotti più sicuri a base di pesce sono quelli confezionati. Tutto ciò che ha subito un ciclo di cottura e quindi di pastorizzazione può essere consumato in gravidanza senza problemi. Ad esempio, sono ammessi i gamberi in gravidanza e i gamberetti in gravidanza a patto che siano cotti a dovere.

Dunque, i pesci in gravidanza da mangiare sono:

  • Alici
  • Sarde
  • Acciughe
  • Salmone
  • Merluzzo
  • Sugarello
  • Paganelli
  • Orata

Occhio al salmone in gravidanza: va bene cotto, ma mai affumicato o crudo. Ma attenzione pure all’insalata di mare in gravidanza: pur rientrando nel pesce da mangiare in gravidanza va consumata con moderazione.

Pesce in gravidanza da evitare:

  • Molluschi
  • Crostacei
  • Sushi e sashimi
  • Pesce spada
  • Pesce affumicato
  • Tonno
  • Cernia
  • Polpo

pesce in gravidanza

Cosa mangiare in gravidanza

In gravidanza si deve mangiare per due? Assolutamente no! Il fabbisogno di calorie dell’organismo di una donna in stato interessante aumenta solo a partire dal quarto mese di gravidanza e molto lentamente. Ogni donna dovrebbe assumere solo 200 calorie al giorno, vale a dire all’incirca due mele in più.

Dunque, mangiare per due durante la gravidanza è sbagliato e non fa bene al bambino. Per la dieta inizio gravidanza e fino alla fine della dolce attesa è bene rinunciare alle calorie cosiddette vuote presenti nei grassi, nei dolci e nel pane bianco e in alternativa mangiare molta frutta, verdura e cibi nutrienti. Le donne incinte hanno bisogno essenzialmente di più proteine, vitamine e minerali. E il modo migliore per ottenerli non è mangiare di più ma mangiare meglio.

Inoltre, si deve assolutamente evitare di seguire una dieta in gravidanza perché può compromettere la salute del bambino. È bene tenere sempre sotto controllo il consumo di carboidrati. Nel corso della gravidanza l’aumento di peso non deve superare 8-10 chili.

Cosa si può mangiare in gravidanza? Tanti legumi, pesce azzurro, frutta e verdura.

cosa mangiare in gravidanza

Altri utili consigli:

  • lavarsi sempre le mani prima e dopo la preparazione dei pasti;
  • lavare accuratamente frutta e verdura (gli ortaggi con le radici vanno sbucciati e puliti prima della preparazione e della cottura);
  • per la preparazione dei cibi impiegare sempre utensili puliti.

Cosa non mangiare in gravidanza

Cosa evitare in gravidanza? Bisogna assumere pochi grassi. Per questo bisogna optare per la carne bianca e preferire la cottura sulla griglia o a vapore. Prestare poi particolare attenzione alla cottura di frutta e verdura. Limitare al minimo il consumo di fegato o composti, come ad esempio il patè. Non bere mai più di due tre caffè al giorno oppure 4-5 tazze di thè al giorno.

Quali sono gli alimenti da evitare in gravidanza? Quali sono i cibi vietati in gravidanza?

Cibi da evitare in gravidanza tabella

  • Carne rossa
  • Insalata o germogli già confenzionati
  • Prodotti a base di latte non pastorizzato (come i formaggi molli o con muffe alimentari)
  • Carne cruda
  • Uova crude
  • Carne affumicata
  • Sushi
  • Cibi contenuti in barattoli danneggiati, ammaccati o rigonfi
  • Fegato o composti (ad esempio il paté)
  • Bevande che contengono chinino
  • Porchetta

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *