neonato che dorme

3 cose da fare per abituare il neonato al ritmo giorno-notte

Il bambino dorme di giorno e sta sveglio di notte: cosa fare

Il neonato dorme solo il giorno anziché la notte? Tranquilli, è un classico! Anzi, è un vero e proprio fenomeno naturale, dovuto al fatto che i bambini appena nati non dispongono di un orologio interno. In che senso? I piccoli non riescono a capire la reale differenza tra giorno e notte: i bimbi riusciranno a comprenderlo fino in fondo solo col tempo. I genitori possono però aiutare il bebè a capire meglio e in maniera più veloce questa distinzione. Cosa fare di preciso per aiutare il piccolo a dormire più a lungo la notte e a concedersi di giorno solo brevi riposini? Basta seguire questi tre utili e pratici consigli!

1. Interazione

Durante il giorno la mamma e il papà devono interagire a più non posso con il proprio bambino. Più precisamente devono abituare il neonato ai normali ritmi del giorno. Fargli capire – con parole e fatti – che il giorno non è dedicato al sonno bensì allo svolgimento di altre attività.

E se dorme di giorno? Bisogna convincerlo che quello è un pisolino di poche ore e non il lungo riposo notturno. Per questo non va messo in una stanza troppo buia, non vanno abbassate le tende e non bisogna preoccuparsi di fare troppo rumore.

2. Portarlo a spasso

Le passeggiate – quando ovviamente le temperature invernali ed estive lo permettono – aiutano il bambino appena nato a regolare il suo orologio interno. È in particolare la luce del giorno a stimolare il piccolo a restare sveglio e a non approfittare della giornata per schiacciare un pisolino. Anche giocare con il neonato durante il giorno può essere d’aiuto.

3. Buio e routine la sera

Quando cala il sole e il bimbo è pronto per andare a dormire è fondamentale mantenere la stanza con le luci spente e parlare al piccolo con voce bassa. L’atmosfera deve essere calma e tranquilla: va evitato qualsiasi tipo di rumore. Inoltre bisogna introdurre delle abitudini serali che aiutano il piccolo a prepararsi per dormire. La routine per conciliare il sonno del bambino deve andare avanti almeno fino al primo anno di vita e deve durare tra i 30 e i 45 minuti.

Va ricordate poi che la giostrina della culla va tolta ogni sera: è pericolosa per il bambino. Perché? Incita il piccolo a stare sveglio!

Un bagno caldo prima di andare a dormire può essere efficace. Il bagnetto stimola la melatonina, l’ormone secreto del cervello che favorisce il sonno.

foto_neonato_ che_ dorme

Nota bene

Questi comportamenti devono essere adottati con una certa regolarità nei primi sei mesi di vita del bambino. Con tutta probabilità il ritmo giorno-notte non si sarà instaurato nei tre mesi di vita del piccolo: in quel lasso di tempo non è in grado visto che ogni due ore deve mangiare.


Leggi anche: Lulla, la bambola che addormenta neonati e bambini


I genitori devono essere determinati a portare avanti tali abitudini e fare in modo che il bambino le assimili in modo graduale e definitivo. Ogni bambino ha i suoi tempi: migliorare il sonno del neonato è dunque un processo lento, durante il quale bisogna avere pazienza. Va infine ricordato che ogni neonato è diverso da un altro: ognuno ha i propri bisogni!

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *