Condividere il letto con il tuo bambino, attenzione ai pericoli. Linee guida per la sicurezza

Dormire con il bambino può essere pericoloso: 10 cose a cui stare attenti

Quando si ha un bambino molto piccolo, le notti insonni sono davvero tante e soprattutto molto frequenti. I genitori, ma in particolar modo la mamma, arrivano ad un certo punto ad un livello massimo di esasperazione. È per questo motivo che le donne decidono di condividere il proprio letto ,oltre che con il marito, anche con il figlio. Questa decisione, seppur comoda, potrebbe però rivelarsi piuttosto pericolosa.

Il pericolo maggiore è che si potrebbe, nel corso della notte, rotolare nel letto e “schiacciare” inavvertitamente il bambino. Quindi, prima di pensare di far dormire con voi il vostro piccolo prendete in considerazione tutti i rischi.

Ad aiutarci in questa scelta è il Professor James McKenna, il quale ha delineato delle linee guida sicure per far si che il vostro piccolo possa dormire con voi senza correre alcun rischio.

Condividere il letto con vostro figlio in sicurezza: Linee guida del Prof.McKenna

1 I genitori devono essere consapevoli che il loro bambino condividerà il letto con loro
2 Non far dormire il bambino nello stesso letto se prima si è assunta droga, sedativi, alcol o altri farmaci
3 Le donne con i capelli lunghi devono legarli prima di andare a dormire
4 Se i genitori sono troppo in carne dovrebbero dormire insieme al bambino ma su una superficie che sia separata
5 I bambini devono dormire su una superficie solida, di schiena e con addosso uno strato leggero di coperte
6 Non dormire mai insieme al proprio bambino su un divano
7 Il letto non deve alcun rischio di intrappolamento
8 Prestare attenzione alla temperatura del piccolo, perchè quando dorme in compagnia questa risulta essere più alta
9 Se le donne fumano non devono dormire insieme al proprio piccolo, perchè il fumo aumenta il rischio di SIDS
10 I bambini non devono dormire vicino o addirittura sopra i cuscini.

Condividere il letto con il tuo bambino, attenzione ai pericoli. Linee guida per la sicurezza

Una volta lette queste linee guida, potreste pensare che non c’è alcun problema nel dormire insieme al vostro piccolo, perchè è facile seguirle. Tuttavia i pericoli, nonostante si seguano queste linee guida, sono sempre dietro l’angolo.

Ad ogni modo il Prof.McKenna sostiene che nessun operatore dovrebbe insegnare alle famiglie come dormire. Tuttavia, l’esperto aggiunge che è giusto fornire ai genitori delle informazioni che siano sufficienti per dare loro la possibilità di prendere le decisioni più giuste.

Le coppie madre-bambino rispondono alla presenza dell’altro durante il sonno

Secondo quanto rivelato da uno studio, condotto dal Professor James McKenna dell’Università di Notre Dame, sembra proprio che le coppie madre-bambino percepiscano la presenza l’una dell’altro in tutte le fasi del sonno. Più nello specifico, le donne che allattano al seno sono più sensibili al movimento del bambino durante la notte. La stessa percezione l’avrà il bambino nei confronti della mamma, soprattutto nei primi 4 mesi di vita.


Leggi anche: Neonato nel lettone, qual è la posizione giusta


Ciò significa che i bambini sani entro i primi 4 mesi, sono in grado di allontanare ogni pericolo.

Tuttavia, alcuni esperti e servizi sanitari sconsigliano di dormire insieme ai propri bambini. Questo perché sembra che alcuni letti moderni non siano sicuri per i bambini. Ed ancora perché alcune condizioni fisiche e sociali potrebbero aumentare i rischi.

Ho studiato Servizio Sociale, ma da oltre 5 anni lavoro nella realizzazione di contenuti per il web. Ho 33 anni e sono appassionata da sempre di scrittura, mi sono affiancata a questo lavoro perché mi permette di apprendere e condividere con gli altri importanti notizie e contenuti. Sposata da due anni, adesso il mio sogno è quello di diventare mamma. Amo i bambini e questo mi ha spinto a scrivere per Passione mamma, dove non soltanto posso condividere le mie conoscenze ed esperienze, ma posso anche apprendere tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *