foto_neonato_terza_fase_psicomotoria

5 giochi tra mamma e neonato che aiutano il bambino a crescere meglio

Cinque giochi tra mamma e neonato che aiutano il bambino a crescere meglio

I primi mesi di vita del neonato sono momenti importanti. Anche se in questo periodo i bambini sembrano poco partecipativi, è bene che si stimolino le competenze di base dello sviluppo. Il gioco è il primo strumento di crescita per il neonato; il bambino reagisce agli stimoli, riconosce la voce della mamma, è attratto dai suoni e prova interesse per i giochi in movimento. Ci sono tanti giochi che si possono fare tra mamma e neonato per crescere meglio! I momenti ludici tra mamma e figlio piccolo sono esperienze meravigliose. Ecco alcuni spunti per giocare con un neonato e stimolarlo a crescere meglio.

1. Marionette e girandole colorate

Usare delle marionette da dita/ da mani, che si muovono davanti ai suoi occhietti curiosi, stimola la sua curiosità. Sono ottime anche per essere seguite con lo sguardo. Il neonato cercherà di seguire le marionette e la girandola, prima un po’ a fatica, poi con più precisione e si divertirà ogni volta che ripeterete il gioco insieme. Ideale dai 3 mesi in su; per allenare tatto, vista e stimolare curiosità e fantasia.

2. Tappeti gioco

Procuratevi dei morbidi tappeti colorati e pieni di disegni, dove il bambino può rotolarsi e cercare di sollevarsi, osservare e cercare di raggiungere o manipolare gli oggetti circostanti, si possono utilizzare anche delle palle morbide, per giocare insieme, facendole rotolare, provandole ad afferrarle. Si possono nascondere oggetti sotto una coperta per farli ritrovare (gioco del nascondino). Consigliato dai 6 mesi in su; per allenare le sue abilità motorie e di coordinamento.

giochi mamma e neonato per crescere

3. Lo specchio

Un gioco molto apprezzato dai neonati è il guardarsi allo specchio. Mettete il neonato a pancia in giù sul tappeto, o in braccio, e avvicinate uno specchio. Giocate ora con il vostro riflesso. Il neonato sicuramente sorriderà e riderà tanto con le vostre facce buffe: cercate di fare più smorfie possibili, lasciate che allunghi le manine per capire chi ha di fronte. Si può fare dai 6-8 mesi in su (solo dopo i 18 mesi i bambini imparano a riconoscere la propria immagine riflessa nello specchio); per allenare tatto, vista e abilità motorie.

4. Il bagnetto

Nel neonato il contatto con l’acqua è molto apprezzato: potete utilizzare il momento del bagnetto per esplorare le spugnette colorate, le paperelle e altri piccoli giochini da afferrare, mordere e tirare. Un’esperienza intima anche per “parlare” con lui. La conversazione è molto stimolante, la voce della mamma lo tranquillizza; annusare i profumi dei detergenti, beneficiare del massaggio della crema idratante e del talco è un’occasione per coccole e carezze. È utile per stimolare l’olfatto e la vicinanza affettiva.


Leggi anche: Giocare con il neonato, 3 errori da non commettere


5. Libricini di stoffa

Esistono tanti libri: colorati, pieni di disegni di animali, tattili, di stoffa, che possono essere sfogliati, presi a morsi e manipolati dal neonato. Possono rappresentare il gioco del telefono, dove mamma chiama e lui gioca a rispondere, la fattoria degli animali, e così via. Rientrano tra i 5 giochi indispensabili per il neonato e rappresentano l’occasione giusta per avvicinare il piccolo al piacere della lettura. Volendo potete utilizzare degli albi illustrati e leggere ad alta voce, cambiando tono, facendo i versi degli animali. Dai 5-6 mesi; per lo sviluppo cognitivo, linguistico e stimolare curiosità.

Sono una psicologa e psicoterapeuta. Mi occupo principalmente di prima infanzia e sostegno alla genitorialità. Da sempre amo la scrittura e unirla alla passione per il mondo dei bambini mi incuriosisce! Il mio obiettivo è quello di diffondere informazioni, notizie e buone prassi psico-educative per le neo mamme e i loro pargoletti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *