bambino iperattivo

Bambino iperattivo o solo troppo vivace? 5 segnali per capirlo

Come capire se il bambino è iperattivo o solo troppo vivace

Tutti i bambini corrono, saltano e si arrampicano in ogni dove… ma quando una mamma deve iniziare a preoccuparsi? A volte si confonde una grande vivacità con qualcosa di più serio. Si parla, infatti, sempre più spesso di disturbo dell’iperattività! Vediamo nel dettaglio quando è necessario intervenire e correre ai ripari!

Le mamma di oggi sono solite fare esclamazioni del tipo: “Mio figlio è iperattivo, non riesce mai a star fermo!”. In realtà è più probabile che sia semplicemente vivace. È fondamentale non fare diagnosi fai da te ma rivolgersi sempre ad uno specialista infantile.

L’iperattività, detta anche Adhd (sindrome da deficit di attenzione e iperattività) è un sintomo di origine neurobiologico, dovuto a un diverso funzionamento di alcuni “circuiti” di aree specifiche del cervello. Altri sintomi sono la disattenzione e l’impulsività.

5 segnali da tenere a mente

Possiamo però distinguere facilmente alcuni comportamenti che sono proprio dell’iperattività.

Eccoli i 5 segnali da osservare:

1) Movimento eccessivo e senza finalità

I bambini possiedono energie inesauribili perché attraverso il movimento fanno esperienze che gli permettono di conoscere il mondo circostante. Quando il movimento interferisce con questa capacità di apprendere dall’esperienza motoria siamo di fronte a qualcosa di patologico. Sembrano schegge impazzite e non riescono a imparare da quello che c’è intorno a loro.

2) Comportamento sfidante ed oppositivo

Con l’età il bambino arriva alla fase in cui tutto ciò che dice la mamma, è “no”. I terribili due anni capitano un po’ a tutti… ma quando il comportamento diventa oppositivo sia a casa, sia a scuola e sia con gli altri adulti e bambini che incontra, forse siamo di fronte a un disturbo dell’iperattività. Questi bambini non riescono a rispettare alcuna regola imposta dall’autorità.

3) Scarsa attenzione a scuola

Nei bambini in età scolare la linea di demarcazione tra normalità e diversità è più netta: i bambini iperattivi non riescono a stare attenti durante la lezione, interrompono gli insegnanti, si distraggono continuamente e spesso hanno problemi nel relazionarsi con i compagni. Attenzione a non confondere l’iperattività con la maleducazione!

4) Impulsività marcata

I bambini del nido possono mordere, graffiare e piangere più del normale se non si soddisfano i loro bisogni. Quando il bambino cresce il suo mancato controllo dell’impulsività lo può far portare ad avere banali incidenti, cadute che possono essere evitate, litigi con i coetanei…

bambini vivaci o iperattivi 5 segnali

5) Impossibilità a divertirsi

State sicuri che un bambino che si muove continuamente, che cerca un gioco nuovo ogni 5 minuti è un bambino che sta soffrendo e che non riesce a divertirsi nel gioco. Spesso la stanchezza e l’insoddisfazione lo portano a crisi d’ipercinesia ancora più forte.


Leggi anche: Bambini iperattivi cause, conseguenze e rimedi


Cosa fare

– Prima di classificare un bambino come iperattivo, bisogna rivolgersi a strutture specializzate.
– Create con il bambino momenti ludici di breve durata , che gli consentano di non avere troppe frustrazioni.
– Stabilite un rapporto basato sul dialogo e la tranquillità, senza perdere mai la pazienza.
– Spesso questi bambini hanno un basso livello di autostima, quindi valorizzate le risorse positive.

Sono una psicologa e psicoterapeuta. Mi occupo principalmente di prima infanzia e sostegno alla genitorialità. Da sempre amo la scrittura e unirla alla passione per il mondo dei bambini mi incuriosisce! Il mio obiettivo è quello di diffondere informazioni, notizie e buone prassi psico-educative per le neo mamme e i loro pargoletti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *