foto_di_maio_luigi

Vaccini obbligatori, Di Maio del Movimento 5 Stelle: “Cambieremo la Legge Lorenzin”

La legge sui vaccini obbligatori sarà abolita se il Movimento 5 stelle vincerà le prossime elezioni politiche: parola del candidato premier Luigi Di Maio. Ospite di Un giorno da pecora su Radio 101, il politico pentastellato ha annunciato che cambierà la normativa adottata solo qualche mese fa dall’ultimo governo italiano.

“Faremo una legge per raccomandare i vaccini: siamo a favore della raccomandazione e per l’obbligo, ma come era inteso prima del decreto Lorenzin”, ha assicurato Di Maio nell’ultima intervista radiofonica.

Anche Salvini vuole abolire la legge sui vaccini

Una proposta molto simile a quella di Matteo Salvini, esponente della Lega Nord. Il leghista, solo qualche giorno fa, aveva infatti dichiarato: “La netta maggioranza dei Paesi europei non ha vaccini obbligatori: siamo l’unico Paese che ne ha dieci. Io sono a favore di una scelta ragionata e responsabile”.

La replica di Beatrice Lorenzin

Le idee del M5s ma pure quelle della Lega hanno fatto storcere il naso a Beatrice Lorenzin, fautrice della legge sui vaccini che porta il suo nome. Il Ministro della Salute ha infatti replicato alle proposte dei suoi avversari politici parlando di populismo.

Il messaggio della Lorenzin su Twitter è stato più che chiaro: “Di Maio come Salvini: sui vaccini, come su tutto il resto, il populismo parla la stessa lingua. Gli italiani sapranno valutare la serietà dei programmi e delle persone. Avanti con il buon senso, avanti con CivicaPopolare! #vaccinocontroincompetenti”.

foto_vaccini_obbligatori

Legge sui vaccini obbligatori: come funziona

Ma cosa prevede l’attuale legge sui vaccini approvata in Parlamento? L’obbligo di vaccinare i bambini e i ragazzi fino all’età di 16 anni, pena l’esclusione all’asilo e a scuola. Dieci gli attuali vaccini obbligatori: poliomielite, tetano, difterite, epatite B, hemophilus influenzae B, pertosse, morbillo, parotite, rosolia e varicella.

Sono invece fortemente consigliati i vaccini contro meningococco B e C. Non obbligatori ma consigliati anche i vaccini contro pneumococco e rotavirus.

Chi non vaccina i figli rischia multe salate: sanzioni che vanno da un minimo di cento a cinquecento euro.

Perché solo in Italia i vaccini sono obbligatori

Il Bel paese è l’unico della comunità europea a prevedere l’obbligo di ben dieci vaccini. Nelle altre nazioni la maggior parte delle vaccinazioni sono semplicemente raccomandate per il benessere dei più piccoli.

In Italia si è scelto di istituire una legge a riguardo per fronteggiare il fenomeno dell’anti-vax, ovvero la tendenza di non vaccinare i bambini, sempre più esteso, da Nord a Sud.

Curiosa, testarda e determinata. Laureata in Comunicazione, Editoria e Scrittura, ho iniziato a lavorare nel mondo del giornalismo all'età di 18 anni. Adoro i bambini e la loro purezza; sogno una famiglia numerosa con 5 figlie femmine. Riuscirò nell'impresa? Intanto mi alleno scrivendo per Passione Mamma! Email: a.latilla@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *