maschio o femmina

Maschio o femmina? Dipende in quale settimana di gravidanza comincia a muoversi

Come capire se maschio è femmina

Per preparare un corredino personalizzato o per decidere il nome del proprio bambino, conoscere il sesso diventa importante. Una volta verificato che il piccolo sta bene e sta crescendo nel modo giusto, divertirsi a immaginare come sarà diventa un ottimo passatempo. Per scoprire se sarà maschio o femmina si deve attendere l’ecografia dei quattro mesi e non sempre questa è rivelatrice. Infatti, è durante quella morfologica che si ha la certezza. Alcune leggende e tradizioni possono aiutare, però, la curiosità e anche i movimenti fetali danno indicazioni in tal senso.

Calcolo settimane di gravidanza: maschio o femmina

Nelle prime settimane di attesa ci si sente un po’ strane, oltre a nausee e a piccoli cambiamenti fisici, non ci sono tracce evidenti della dolce attesa. La prima visita dal ginecologo mostra la presenza di un feto che si muove nel suo piccolo spazio, ma una mamma difficilmente percepisce questi spostamenti. Deve attendere la 20 settimana° di gestazione per sentire il primo formicolio e anche questa sensazione può predirne il sesso.

Secondo le credenze popolari se i movimenti fetali si percepiscono presto, cioè a partire già dalla 18° settimana di gravidanza allora si aspetta un maschio. Se le prime percezioni si sentono intorno alla 22° settimana di gravidanza si tratta, invece, di una femminuccia.

Questo ritardo, però, verrà colmato da un movimento più vivace, infatti, pare che le piccole donne si agitano di più. Di solito, i bambini molto attivi nella pancia lo sono anche una volta usciti fuori, ma sentire le loro attività fa solo bene, perchè significa monitorare il loro stato di benessere.

Sul modo in cui si muovono i piccoli c’è anche un’altra considerazione, che si tramanda da generazione in generazione. In questo caso si parla dei movimenti nel ventre materno: è maschio se spinge e dà lievi colpi verso il lato sinistro, mentre se i movimenti sono improvvisi e diffusi è femmina e lo è anche se si ha dolore all’anca.

gravidanza

Maschio o femmina sintomi

Questi sono solo alcuni esempi, che non hanno fondamenti scientifici, che possono aiutare i genitori a scoprire in anticipo se il proprio bambino sarà maschio o femmina. Tra gli altri metodi tradizionali per capire il sesso c’è il calendario cinese che, in base al mese e all’età della mamma al momento della gestazione, stabilisce se preparare un corredo rosa o celeste.


Leggi anche: Maschio o femmina? Dipende da quanta fame si ha in gravidanza


Inoltre, se il seno destro è più grande del sinistro o le mani sono più secche è maschio, se invece i capelli hanno dei riflessi rossastri è una femmina, così come se ci sono forti nausee mattutine.

Un altro calcolo divertente da fare è quello di sommare il mese del concepimento a quello degli anni della mamma, se il risultato è un numero pari arriverà un piccolo ometto, se dispari sarà una dolcissima donna.

Laureata in Scienze della comunicazione lavoro da anni nella realizzazione di contenuti per il web per condividere esperienze e conoscenze. Scrivere per Passione mamma è un modo per trovare le soluzioni alle mie domande da genitore e per aiutare altre donne ad affrontare la maternità senza stress, ansie e timori, ma con gioia e serenità. Email: i.aurino@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *