pancia asimmetrica in gravidanza

La forza con cui il feto calcia in gravidanza è indice di buona salute

Quando il bambino scalcia forte nella pancia in gravidanza

Il momento in cui si avverte il bambino che si muove e scalcia nella pancia della mamma è sempre un momento straordinario. La mamma sente il figlio e quest’esperienza affascinante permette a entrambi di iniziare a conoscersi e a comunicare. A volte i piccoli sono scatenati e i calcetti possono essere fastidiosi o addirittura dolorosi. Ma una futura mamma, pur di sapere che il bambino sta bene, sopporta questo e altro. Nulla fa preoccupare le gestanti più di alcune ore trascorse senza sentir muovere il proprio bambino. Inoltre, ora uno studio scientifico spiega che i movimenti del nascituro sono positivi e indice di benessere e buona salute.

Quando il bimbo scalcia nella pancia

Quando il bimbo tira calcetti nella pancia vuol dire che sta bene, è in salute ed è attivo. Certo, molte volte può risultare un po’ fastidioso e doloroso, ma non c’è assolutamente da preoccuparsi. Al contrario, ci si dovrebbe fare qualche domanda solo quando il feto non si muove per tanto tempo neanche sotto sollecitazione.

Ora lo studio scientifico appena citato dimostra che quando un bimbo scalcia nell’utero materno è segno che la gravidanza sta procedendo regolarmente e che il bambino sta bene. I movimenti fetali sono indice di buona salute, e ciò è confermato anche dallo studio dell’Imperial College London e del Great Ormond Street Hospital, nel Regno Unito.

quando il bambino scalcia

Lo studio

Lo studio ha preso in esame una coorte di gestanti, tra le ventesima e trentacinquesima settimana di gravidanza, sottoponendo l’utero alla risonanza magnetica. Le scansioni così ottenute sono successivamente state analizzate in 3D al computer. Tale sistema ha permesso ai ricercatori di studiare i movimenti fetali e svilupparne dei modelli.

Gli studiosi hanno dunque rilevato che il momento in cui il feto si muove di più è alla trentesima settimana di gestazione. In questa fase il nascituro può esercitare fino a 4 chilogrammi di forza contro le pareti dell’utero. A questo punto non è difficile capire perché i calci dei bambini nella pancia possano fare male.

Movimenti

Nelle settimane successive di gestazione i movimenti del bambino si riducono, perché il feto cresce e ha meno spazio per potersi “scatenare”. In ogni caso i movimenti fetali restano vigorosi in quanto il bambino cresce continuamente ed acquisisce forza.

I movimenti sono importanti perché sono il segnale che la gestazione sta procedendo bene e che il bambino è sano. Quando il bimbo scalcia nella pancia della mamma sta sviluppando i muscoli, le ossa e le articolazioni di gambe e braccia. Ecco perché i movimenti fetali sono importanti, mentre la loro assenza potrebbe essere indice di malformazioni muscolo-scheletriche.

foto_movimenti_fetali_Da_un_lato

I movimenti

Nel periodo più avanzato della gestazione, sebbene i movimenti fetali siano ridotti, non mancano. Come un piccolo sportivo sta semplicemente facendo ginnastica. Sviluppare gli strumenti per misurare la forza di spinta del bambino all’interno dell’utero può aiutare a prepararsi adeguatamente ad accogliere i bambini bisognosi di cure, dopo la nascita.


Leggi anche: Gravidanza, 9 cose da sapere sui calci del bambino nella pancia


Lo studio dell’Imperial College London e del Great Ormond Street Hospital è stato pubblicato sul Journal of the Royal Society Interface. E può rivelarsi prezioso nel dare una base sperimentale a ciò che già si conosce, pronando la ricerca ad andare sempre più avanti.

Sono un'ostetrica e svolgo con passione e dedizione il mio lavoro, orgogliosa, testarda e determinata in tutto quello che faccio. In virtù di questo continuo a studiare e specializzarmi per aumentare la mia preparazione, svolgo attività di volontariato e conduco corsi di accompagnamento alla nascita. Inoltre, adoro comunicare e mettere a disposizione delle donne le mie conoscenze e competenze!! :) Email: j.gugliotta@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *