festa di carnevale

Giochi di Carnevale per bambini fino a 10 anni

Giochi di Carnevale per bambini

Quest’anno la festa di Carnevale organizzata per i vostri bambini sarà super spassosa! Ecco alcuni giochi da fare alle feste per divertirsi con i travestimenti e i coriandoli colorati. Volete una festicciola da ricordare? Non esitate a provare i nostri giochi di Carnevale per bambini!

Giochi di Carnevale

Il periodo degli scherzi e dei costumi è arrivato: se avete organizzato una festa di Carnevale per bambini ma non sapete cosa proporre per allietare il tempo e non far annoiare i bambini, provate a mettere in scena questi divertenti giochi di gruppo per bambini, adatti all’età dei vostri piccoli!

Sono molto amati i giochi a squadre per bambini per scambiarsi i ruoli e stare in gruppo! Troverete giochi da fare al chiuso adatti al Carnevale, caratterizzato quasi sempre dal tempo piovigginoso e dalle temperature rigide.

Ecco una lista dei giochi di gruppo più divertenti e giochi di squadra in base all’età del bambino!

Giochi di Carnevale per bambini al di sotto dei 5 anni:

1. Gara delle Stelle filanti

Occorrente: uno scatolone, sedie, una confezione di stelle filanti.
Svolgimento: posizionate lo scatolone al centro della stanza e dividete i bambini in due gruppi (in base al numero dei bimbi, fate quanti gruppi desiderate); ogni partecipante si mette seduto e soffiando deve cercare di fare entrare più stelle filanti possibili dentro lo scatolone; vince la squadra che riesce a riempire prima lo scatolone.

2. Gioco di Arlecchino e Pantalone

Occorrente: un foglio di giornale, una benda, campanelli.
Svolgimento: I bambini si dispongono in cerchio e al loro interno ci sono due che fanno la parte di Arlecchino e Pantalone; Pantalone ha un foglio di giornale in mano e una benda sugli occhi. Arlecchino invece ha dei campanelli intorno al collo che suonano quando si muove. Pantalone deve colpire col giornale Arlecchino per tre volte nell’intervallo di tempo stabilito. Se ci riesce, ha vinto, se non ci riesce, ha vinto Arlecchino.

Giochi di Carnevale per bambini tra i 6 e i 10 anni:

3. Disco Carnevale

Occorrente: stereo, diversi cd musicali dance, rock, classico etc.
Svolgimento: Lo scopo del gioco è danzare sul ritmo della musica trasmessa allo stereo. Si alterneranno un brano rock e un valzer, una dolce musica e suoni elettronici; La vittoria sarà assegnata da un’apposita giuria di esperti a chi è riuscito ad armonizzare meglio la propria danza con i brani trasmessi!

4. Caccia al tesoro (di Carnevale)

Occorrente: c’è bisogno di molto spazio per organizzare una caccia al tesoro e dovete inventare molti indizi.
Svolgimento: i bambini formano due squadre. Ciascuna squadra avrà il suo capogruppo che sarà, poi, chi sarà vestito. Ogni indizio porterà al ritrovamento di un pezzo di costume. La squadra dovrà trovare prima dell’altro i pezzi del costume per vincere. Al termine del percorso, infatti, il capogruppo dovrà essere vestito di tutto punto con tanto di parrucca, abito, accessori scarpe e trucco.

Questi giochi sono giochi da fare in classe anche per rallegrare la giornata festosa.

giochi di carnevale

Non si può solo giocare: oltre a questi divertenti giochi di gruppo , potete allestire nella festa anche un angolo dove leggere delle storie di Carnevale.

Prendete spunto da questo brano di Piero Bargellini:

Carnevale

Nelle vetrine di alcuni negozi, appaiono maschere di cartone, che sembrano fare sberleffi ai passanti. Il cartolaio vende stelle filanti e coriandoli. Qualche ragazzo se ne riempie le tasche e, quando passa vicino a un compagno, glieli getta addosso. Le bambine temono i coriandoli, che s’impigliano nei loro capelli lunghi.

In Italia, alcune città hanno la loro maschera tradizionale: Torino c’è Gianduia; a Milano c’è Brighella; a Bergamo c’è Arlecchino; a Venezia c’è Pantalone; a Bologna c’è il dottor Balanzone; a Firenze c’è Stenterello; a Roma c’è Rugantino; a Napoli c’è Pulcinella.

Ma la storia più bella è quella di Arlecchino, che era un bambino di Bergamo. L’ultimo giorno di Carnevale tutti i suoi amici si vestivano in maschera, con gli abiti cuciti dalle loro mamme. Arlecchino era figlio di una povera vedova, la quale non aveva neppure un braccio di stoffa, per cucire il vestito al suo bambino.

Allora tutte le altre mamme le regalarono un pezzetto della loro stoffa e la vedova cucì un vestito formato da tante toppe di diverso colore. Sembrava che un vestito così misero dovesse sfigurare.

Invece, quando Arlecchino apparve con quel suo vestito a toppe di tutti i colori, fu un vero trionfo. Per tutta Bergamo si alzò il grido di: – Viva Arlecchino!

maschere bambini

Non resta che augurarvi buon divertimento e buon Carnevale!

Sono una psicologa e psicoterapeuta. Ho sempre amato la scrittura e unirla alla passione per il mondo dell'infanzia mi affascina! Sono incuriosita dalla possibilità di diffondere informazioni alle neo mamme.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *