iodio

La carenza di iodio diminuisce le possibilità di rimanere incinta

Infertilità cause: lo iodio tra i responsabili

Lo iodio è presente in molti alimenti come pesce, sale, frutta, verdura… Il minerale è molto importante per l’organismo e in particolar modo lo è per le donne che cercano una gravidanza. Secondo un recente studio del National institutes of Health, i bassi livelli di iodio riducono le possibilità della donna di rimanere incinta. Le donne che sono in cerca di una gravidanza dovrebbero quindi tenere sotto controllo i livelli del minerale nell’organismo e nel caso in cui non fosse adeguato, ricorrere all’utilizzo (su prescrizione medica) di integratori adatti.

I ricercatori del National institues of Health hanno preso in considerazione i dati di 500 coppie che hanno programmato una gravidanza tra il 2004 e il 2009. Le coppie in cerca di un figlio facevano parte di uno studio chiamato Longitudinal Investigation of Fertility and the Environment (Life). Il progetto era mirato a analizzare la correlazione tra la fertilità e ambiente e stile di vita.

Carenza di iodio e gravidanza: la correlazione

Le 467 donne coinvolte nello studio sono state sottoposte a varie analisi, tra le quali anche quelle per valutare i livelli di iodio nel sangue. 260, ovvero il 55,7%, avevano iodio a sufficienza. 102 ragazze, il 21,8%, avevano una leggera carenza. 97 donne, il 20,8%, avevano una moderata carenza di questo minerale e l’1,7% una carenza grave.

Gli scienziati, attraverso un elaborato calcolo matematico, hanno poi calcolato la possibilità di rimanere incinta ad ogni ciclo mestruale. I valori inferiori ad 1 indicano una bassa probabilità di avere una gravidanza e al contrario valori superiori ad 1 indicano alta possibilità di avere un bambino.

gravidanza

Le donne con carenza di iodio da moderata a grave avevano valori inferiori ad 1 e quindi basse probabilità di rimanere incinta. In particolare nelle donne con carenza di iodio la possibilità di rimanere incinta era del 46% in meno rispetto alle donne con valori normali o con carenza lieve.

“I nostri risultati suggeriscono che le donne che stanno programmando di rimanere incinta abbiano bisogno di più iodio. Il bisogno di iodio aumenta durante la gravidanza e il feto dipende da questo minerale per la formazione dell’ormone della tiroide e per assicurare un normale sviluppo del cervello” ha detto James L. Mills, uno degli autori dello studio.


Leggi anche: Infertilità, lo stress tra le cause principali


La ricerca ha preso in considerazione un campione molto limitato di donne, solamente 467. In questo studio le donne con carenza erano del 44,3%: secondo le indagini epidemiologiche effettuate negli Stati Uniti le donne in età fertile con carenza di iodio sono circa il 30%. Lo studio può quindi essere considerato abbastanza affidabile.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *