Assicurazione per casalinghe Inail 2018, a chi spetta Requisiti e scadenza

Assicurazione per mamme casalinghe Inail 2018: requisiti e scadenza

Avete mai sentito parlare dell’assicurazione casalinghe? Questa è stata istituita dalla legge 493 del 1999 e prevede l’obbligo per alcune categorie, di assicurarsi contro infortuni che possono avvenire in ambito domestico. Purtroppo, così come in tutti gli ambienti di lavoro, anche in ambito domestico possono avvenire degli Infortuni. Le tutele contro questi infortuni domestici non soltanto sono una realtà, ma sono anche obbligatorie, proprio perché riconosciuta da una normativa specifica.

Si chiama più nello specifico assicurazione casalinghe INAIL e riguarda più che altro tutti coloro che si occupano della cura della casa, ma anche dei propri familiari. Sostanzialmente questo tipo di assicurazione consiste nel risarcimento in caso di incidenti che avvengono all’interno dell’ambito domestico. Dunque, altro non è che una sorta di tutela per tutte quelle persone che svolgono lavori domestici non retribuiti all’interno del nucleo familiare.

È obbligatoria l’iscrizione per entrambi i sessi e perlopiù per tutte le persone di età compresa tra i 18 ed i 65 anni.

Quali sono i requisiti per poter accedere alla assicurazione casalinghe 2018?

L’assicurazione casalinghe è concessa a tutti coloro che hanno un’età compresa tra i 18 e i 65 anni compiuti. Tra gli altri requisiti citiamo:

– svolgere un lavoro domestico in modo abituale e soprattutto esclusivo
– non essere titolari di una pensione
– non avere alcun vincolo di subordinazione
– svolgere un’attività di lavoro domestico non retribuito e prendersi cura dei familiari.

Assicurazione per casalinghe Inail 2018, a chi spetta Requisiti e scadenza

Chi deve stipulare l’Assicurazione

È obbligatoria per:
– gli studenti anche se effettivamente vivono in un luogo diverso dalla città di residenza ma che si curano dell’ambiente dove abitano
– tutti coloro che avendo già compiuto i 18 anni, lavorano in casa in modo esclusivo
– tutti i lavoratori in mobilità
– lavoratori in cassa integrazione
– cittadini stranieri con regolare permesso di soggiorno e disoccupati
– soggetti che svolgono un’attività lavorativa che non copre tutti i mesi dell’anno e dunque lavoratori temporanei, stagionali ed a tempo determinato. In questi casi però l’assicurazione coprirà soltanto quei mesi in cui non si svolgerà alcuna attività.

Come accedere

Bisognerà procedere entro e non oltre il 31 gennaio 2018, versando una quota che sarà pari a 12,91 euro. Qualora però il reddito individuale non superi i 4.648,11 euro o quella famiglia è inferiore ai 9.296,22 euro, ci penserà totalmente lo Stato a farsi carico della spesa.

Va detto però che, nel caso si dovesse verificare un infortunio, si avrà diritto all’indennizzo qualora l’invalidità sia permanente e superi il 27%.


Leggi anche: Bonus casalinghe e disoccupate, come richiedere l’assegno


Riguardo invece i tipi di incidenti, il risarcimento verrà erogato a coloro che si faranno male sbrigando tutte le ordinarie faccende domestiche o che si occuperanno delle piccole attività di manutenzione che però non richiedono una preparazione tecnica particolare.

Ho studiato Servizio Sociale, ma da oltre 5 anni lavoro nella realizzazione di contenuti per il web. Ho 33 anni e sono appassionata da sempre di scrittura, mi sono affiancata a questo lavoro perché mi permette di apprendere e condividere con gli altri importanti notizie e contenuti. Sposata da due anni, adesso il mio sogno è quello di diventare mamma. Amo i bambini e questo mi ha spinto a scrivere per Passione mamma, dove non soltanto posso condividere le mie conoscenze ed esperienze, ma posso anche apprendere tanto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *