foto_calci_figlio

Papà prende a calci figlio che cade sul ghiaccio VIDEO SHOCK

Papà prende a calci figlio che cade sul ghiaccio

Le immagini shock vengono dal Kirghizistan. Il figlio è troppo piccolo e non riesce a stare bene in piedi sul marciapiede completamente ghiacciato. Il papà, allora, decide di prenderlo a calci picchiandolo senza pietà anziché aiutarlo. L’uomo è stato incastrato dalle immagini registrate da una vicina di casa della famiglia che ha assistito alla scena e che ha condiviso sui social il filmato.

Il video shock: l’uomo incastrato dalla vicina di casa

“È necessario prendere misure affinché, ancora una volta, i bambini fragili possano difendersi e non soffire!” ha scritto Diana nella didascalia che accompagnano le terribili immagini. Nel filmato si vede il padre guardare il figlio sdraiato a terra per qualche secondo, prima di prenderlo a calci con violenza. Poi, per rialzarlo, lo strattona ed infine lo prende per mano, riprendendo il cammino.

Il filmato è stato girato a Bishkek, in Kirghizistan

Il filmato è stato girato a Bishkek, la capitale del Kirghizistan, uno stato indipendente dell’Asia centrale. Il bimbo – è evidente – cerca di rialzarsi, per provare a tutti i modi a camminare. Fallisce, non riesce a stare in equilibrio ed il papà allora mentre lo guarda lo prende a calci e resta con le mani in tasca.

I testimoni dicono che il figlio stava facendo capricci

Alcuni testimoni – riporta il quotidiano Metro – avrebbero riferito di aver visto il bambino lamentarsi prima che la vicina di casa iniziasse a riprendere padre e figlio nelle immagini. Questo il motivo che avrebbe spinto il padre ad inveire con violenza contro il figlioletto inerme e troppo debole per potersi difendere.

L’utilità delle immagini postate online

I media locali hanno fornito solamente l’età dell’uomo – 50 anni – senza riferire altro riguardo le sue generalità, neanche il nome. Le immagini, condannate duramente dall’opinione pubblica e diventate tristemente virali in tutto il mondo, sono risultate essere estremamente violente, ma al contempo efficaci.

Aperta una indagine, l’uomo ora è sotto accusa

Grazie alla registrazione condivisa sui social dalla vicina di casa Diana, infatti, gli inquirenti sono riusciti a ricostruire l’identikit fisico dell’uomo. Una volta scoperta la sua identità, gli agenti hanno provveduto al fermo del cinquantenne. Ora sul caso di estrema violenza fisica è stata aperta una indagine: per il papà del piccolo si profila la condanna con l’accusa di maltrattamenti e violenze nei confronti del figlioletto.

Incerto invece quale sarà il futuro del bambino: non si sa a chi verrà affidato il piccolo. Quel che è certo, è che verrà allontanato dall’uomo.

Queste le immagini shock:

Studentessa di Lettere a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *