singhiozzo feto

Omosessualità e utero materno sono legati: lo dice la scienza

Omosessualità e utero materno

Secondo un recente studio scientifico, l’omosessualità dipenderebbe da una sorta di reazione immune che si verifica già all’interno dell’utero materno. Tale reazione sarebbe causata da una precedente gravidanza dalla quale è nato un figlio di sesso maschile. Il curioso risultato di questa nuova ricerca consiste appunto nella deduzione secondo cui più fratelli maschi maggiori ha un uomo, più ci sono probabilità che sia omosessuale. Dunque tale probabilità sembra essere affine al numero di fratelli maggiori di sesso maschile che un individuo ha.

Lo studio

Da questo studio, però, bisogna prendere le dovute distanze. Il risultato appena descritto va considerato con cautela, in quanto al momento formula solo una associazione di concetti. Si tratta precisamente di una mera deduzione derivante da indagini statistiche.

Lo studio è stato condotto dall’Università di Toronto ed è stato pubblicato sulla rivista scientifica Proceedings of the National Academy of Sciences. Secondo gli scienziati dell’Università di Toronto, avere un figlio maschio provoca una reazione immunitaria nella madre che può alterare il cervello del bambino che si sta sviluppando.

Tale alterazione, secondo lo studio, potrebbe essere alla base dell’omosessualità. Gli studiosi, comunque, precisano che diversi fattori sono coinvolti nella sessualità; tuttavia la risposta immunitaria può aiutare a spiegare qualcosa che ha sempre rappresentato un qualcosa di incompreso per gli scienziati. Per i ricercatori canadesi questo studio rappresenta un passo avanti nella comprensione delle origini dell’orientamento sessuale negli uomini.

omosessualità e utero materno

Omosessualità

Sembra così fornire le basi per un meccanismo biologico prima d’ora solo ipotizzato. Ovvero, una risposta immunitaria materna a una proteina importante nello sviluppo del cervello fetale maschile. Inoltre, tale studio spiega una delle correlazioni più affidabili dell’omosessualità maschile: i fratelli più grandi. La probabilità per ogni figlio maschio di essere gay è stimata intorno al 3%. Inoltre, per chi ha tre fratelli maschi maggiori, la probabilità raddoppia al 6%.

Sessualità

La sessualità maschile è identificata dalla coppia di cromosomi XY e, secondo i ricercatori, è proprio il cromosoma Y che provoca la reazione immunitaria nella madre. Il corpo della donna che ha un figlio maschio, secondo lo studio, reagisce al cromosoma Y e crea un anticorpo chiamato anti-NLGN4Y.

Gli anticorpi reagiscono ai corpi estranei che invadono il corpo, in questo caso l’embrione maschile. Dopo aver avuto un figlio maschio, una donna sviluppa una grande quantità di anticorpi e questo può influenzare lo sviluppo cerebrale nei figli maschi successivi.

I risultati

Gli autori sospettano che alcune madri sviluppino anticorpi contro una proteina legata al cromosoma Y, importante nello sviluppo del cervello maschile. Questo effetto diventa sempre più probabile con ogni gestazione di un maschio, alterando le strutture cerebrali che stanno alla base dell’orientamento sessuale nei loro figli maschi nati in seguito.


Leggi anche: Gravidanza e parto più difficili se il nascituro è maschio


Gli studiosi precisano che le loro scoperte “suggeriscono un’associazione tra una risposta immunitaria materna a NLGN4Y e un successivo orientamento sessuale nella prole maschile”. Ciò non rappresenta un dato di fatto e saranno necessari ulteriori studi per verificare e confermare questa associazione.

Sono un'ostetrica e svolgo con passione e dedizione il mio lavoro, orgogliosa, testarda e determinata in tutto quello che faccio. In virtù di questo continuo a studiare e specializzarmi per aumentare la mia preparazione, svolgo attività di volontariato e conduco corsi di accompagnamento alla nascita. Inoltre, adoro comunicare e mettere a disposizione delle donne le mie conoscenze e competenze!! :) Email: j.gugliotta@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *