foto_piedi_neonata

Neonato non smette di piangere: il padre lo piega in due

Gesto di follia: padre piega il figlio neonato in due

Purtroppo al giorno d’oggi se ne sentono di tutti i colori, ma quello che è successo negli Stati Uniti, precisamente nello stato dell’Arizona, a Phoenix, è ai limiti dell’assurdo. Robert Anthony, un uomo di trenta anni, ha piegato in due il suo figlioletto, di appena sei mesi, premendo le gambe del bambino sopra la testa. Causa di questo folle gesto è il pianto del bimbo, perché non smetteva di piangere. L’uomo si sarebbe sentito frustrato e avvilito perché il figlio piangeva a dirotto e così avrebbe scatenato la rabbia feroce del padre. Prima lo ha riempito di schiaffi e di morsi e poi lo ha piegato in due fino a che il piccolo non ha perso definitivamente conoscenza.

Gravi danni sul corpo del piccolo

Solo dopo questo insano e assurdo gesto, l’uomo si sarebbe ravveduto e, nel panico più totale, ha chiamato i soccorsi che sono subito intervenuti con un massaggio cardiaco. Il piccolo è stato portato all’ospedale pediatrico di Phoenix, dove, oltre ai danni recati agli arti, tra cui un polso rotto, e innumerevoli lividi, recati a causa dei morsi, gli hanno rilevato gravissimi danni anche al fegato e al pancreas. Il piccolo attualmente è in fin di vita e difficilmente, a dire dei medici, riuscirà a sopravvivere.

Uomo in carcere

L’uomo, durante l’interrogatorio, ha dichiarato di non essersi reso conto del folle gesto che stava mettendo in atto e di essersi ravveduto solo a fatto compiuto, quando il piccolo ha smesso di respirare. Attualmente Robert Resendiz è in carcere, nella prigione della contea di Maricopa, con una cauzione che ammonta a 250mila dollari.

L’uomo è stato arrestato essendo colpevole di abuso su minore, ma, se eventualmente il figlio non riuscisse a superare questa fase di precarietà, pericolo ed instabilità, potrebbe essere accusato di omicidio.


Leggi anche: Antidepressivi alla neonata per non farla piangere, la piccola muore


Ancora una volta, ci troviamo di fronte ad un caso di inspiegabile crudeltà umana, di follia pura, un inconcepibile gesto di irrazionalità e di una vittima, di soli sei mesi di vita, del tutto innocente. Non possiamo far altro che sperare in un miracolo e augurare il meglio al piccolo.

Sono laureata in Filologia Moderna (magistrale di Lettere Moderne) alla Federico II di Napoli. Non ho figli, ma ho una forte passione per il mondo dell'infanzia, per i rapporti genitori-figli e per tutto ciò che riguarda il nucleo familiare. Amo scrivere di me e di tutto ciò che mi circonda.

Un'interazione con “Neonato non smette di piangere: il padre lo piega in due”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *