foto_policlinico_gemelli

Meningite a Roma: bimba di 3 anni muore il giorno di Natale

Un altro caso di meningite ha sconvolto l’Italia. Questa volta la terribile malattia ha colpito una bambina di soli 3 anni e mezzo. La piccola è morta il giorno di Natale all’ospedale Gemelli di Roma. I genitori l’avevano portata in ospedale, al Sant’Andrea, il giorno precedente, il sabato. Date le gravi condizioni la bambina è stata trasferita al Gemelli. Purtroppo a nulla sono valse le tempestive cure dei medici. Il giorno di Natale la bambina è scomparsa.

La bimba è stata ricoverata sabato all’ospedale Sant’Andrea di Roma. Da qui è stata trasferita al Policlinico Gemelli, dove purtroppo è arrivata in condizioni disperate. Il personale sanitario di terapia intensiva pediatrica hanno tentato il tutto per tutto ma per la piccola non c’è stato nulla da fare. Secondo i medici si tratta di meningite da pneumococco. La conferma arriverà solamente dopo l’autopsia. Un campione biologico è stato inviato anche all’Istituto Superiore della Sanità, che effettuerà delle indagini.

A Capena è stata disposta la profilassi antibiotica, a Monterotondo no

La piccola frequentava l’asilo “La farfalla” di Capena, paese in cui era residente con i genitori. La bambina inoltre era iscritta ad una scuola di danza di Monterotondo. Il caso è stato subito segnalato alle autorità sanitarie e quando la notizia è trapelata i genitori dei compagni dell’asilo e delle compagne di danza si sono subito allarmati. Per questo motivo il servizio di igiene del distretto 4 della Asl di Roma ha disposto la profilassi antibiotica per i compagni dell’asilo e per i familiari della bimba. Il distretto di Roma 5, al quale afferisce Monterotondo, dove si trova la scuola di danza che la bimba frequentava, non ha ritenuto necessaria la profilassi.

La Asl di Tivoli ha tranquillizzato i genitori, ritenendo che la profilassi antibiotica non sia necessaria. Nonostante questo ha chiesto alle mamme e i papà di allertare su qualsiasi sintomo. La piccola ha avuto l’ultima lezione di danza il 21 dicembre e i tempi di incubazione sono da 1 a 4 giorni: non ci sarebbero dunque pericoli per le altre bimbe. Inoltre, come ha precisato il Policlino Gemelli, non vi è la certezza che si tratti di meningite.

Anche se si dovesse trattare di meningite da pneumococco, questo tipo di meningite non dà origine a focolai epidemici e non necessita di interventi di profilassi antibiotica, anche se per sicurezza il distretto di di Roma 4 ha preferito disporlo.

I comuni di Capena e di Monterotondo sono sotto choc. Il sindaco, i genitori dei compagni della bimba e tutte le persone si sono stretti attorno al dolore della famiglia della piccola.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *