foto_irritazione_da_pannolini_cause_e_rimedi

Irritazione da pannolino: cause e rimedi

Irritazione da pannolino

Uno dei problemi più comuni tra i neonati è l’irritazione da pannolino. Alcuni lo manifestano in maniera più lieve altri presentano una problematica più seria. Molto spesso la causa risiede nel cambio poco frequente del pannolino stesso, una pelle molto sensibile oppure un’allergia proprio al materiale di alcuni pannolini.

Il quadro si presenta con arrossamento della parte posteriore che interessa le natiche e talvolta anche i genitali. Capita anche che per il fastidio ed il dolore si crei una particolare situazione psicologica nel bambino che oppone resistenza al cambio del pannolino.

Ai primi segnali di arrossamento è consigliabile cambiare spesso il pannolino per non lasciare la pelle perennemente inumidita. Questo permette di non peggiorare ulteriormente la situazione.

Come accorgersi dell’irritazione?

Il primo sintomo di irritazione è l’arrossamento della zona genitale del bambino. Il problema si crea molto spesso associato con episodi di diarrea. Infatti quest’ultima essendo acida va ad irritare la pelle del bambino. In questo caso è opportuno cambiare subito il pannolino e detergere bene la zona arrossata. Evitare in queste situazione l’utilizzo di salviette umidificate.

Ad essere la causa, talvolta, dell’irritazione sono i saponi aggressivi che vanno ad alterare il normale Ph fisiologico della pelle del bambino. È consigliabile quindi utilizzare saponi delicati adatti alla pelle del neonato.

irritazione_da_pannolino_cause_e_rimedi

Quali sono i rimedi?

I rimedi più consigliati sono innanzitutto non far degenerare l’irritazione e cercare di curarla in tempo. Per i primi rossori è bene iniziare a cambiare il pannolino frequentemente e se si può, tenere la pelle scoperta il più possibile per far si che la zona respiri.

Utilizzare creme allo zinco e saponi poco aggressivi. Per situazioni più gravi si può cospargere l’area interessata con olio extravergine di oliva che nutre la pelle irritata. Cercare di non lasciare la pelle bagnata o umida ed accertarsi sempre che sia ben asciutta soprattutto nelle pieghe.

Mi chiamo Ludovica Marini e sono stata da sempre affascinata dal mistero della gravidanza ed ho deciso di laurearmi in Ostetricia presso l'Università degli studi di Roma "La Sapienza". Oggi le donne sono per me massima fonte d'ispirazione per divulgare consigli e supporto attraverso il web. Sogno una famiglia con ingrediente base "L' Amore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *