foto_frozen

Frozen torna in tv: su che canale e a che ora guardare Anna e Elsa

Frozen in tv

Frozen è uno dei cartoni animati Disney che ha avuto più successo. Uscito al cinema ormai 4 anni fa, Frozen ha continuato a far appassionare tantissimi bambini (e non solo) anche dopo il suo lancio. La storia è meravigliosa, i personaggi simpatici e divertenti! Insomma, Frozen è stato davvero un successo come non se ne vedevano da tempo. Il pubblico lo ha amato talmente tanto che anche in tv il film è stato spesso mandato in onda. Anche per questo Natale Frozen tornerà in tv pronto a far emozionare e divertire. Quando si può vedere il cartone e su quale canale?

Frozen torna in tv: quando e su quale canale

Frozen verrà mandato in onda per la Vigilia di Natale, il 24 dicembre alle ore 21:20. Il cartone sarà visibile su Rai 2. Il cenone di Natale potrà quindi avere come sfondo castelli di ghiaccio, pupazzi di neve parlanti e principesse coraggiose! I bambini potranno per l’ennesima volta innamorarsi di questo meraviglioso cartone Disney e gli adulti potranno sognare con loro.

Frozen è stato davvero un successo immenso. Nella sua categoria è il cartone che ha realizzato il maggiore incasso della storia del cinema. Inoltre nel marzo 2014 ha vinto due oscar: miglior film d’animazione e migliore colonna sonora (Let it go).

Frozen personaggi

Frozen: la trama

La trama di Frozen racconta una storia stupenda. Elsa e Anna sono due sorelle, figlie del Re di Arendelle. Elsa ha un potere: quello di manipolare il ghiaccio. Un giorno mentre le bambine giocano, Elsa per errore colpisce Anna, ferendola. I genitori decidono allora di separarle, tenendo Elsa lontana dalla sorellina minore. Quando il Re e la Regina muoiono durante un naufragio, le due si rincontrano ma sono più sole e distanti che mai.

Molti anni dopo Elsa compie 21 anni e deve salire al trono. Durante la festa per l’incoronazione Anna conosce Hans, il principe di un regno vicino, di cui si innamora. Elsa non dà però la sua benedizione al fidanzamento della sorella e le due litigano. Elsa arrabbiata sprigiona i suoi poteri e genera un inverno perenne su Arendelle. La ragazza scappa e si rifugia sulla Montagna del Nord. Qui crea un castello di ghiaccio e dà vita a Olaf, un pupazzo di neve parlante.

Anna si mette in viaggio per trovare la sorella e viene aiutata da Kristoff, un venditore di ghiaccio. Nel frattempo Hans regna su Arendelle. Anna trova Elsa ma le due litigano nuovamente e Elsa la ferisce, colpendola al cuore. La sorellina minore si mette in viaggio verso Arendelle ma arriva al castello molto debole: sta per diventare una statua di ghiaccio. Solo il vero amore può salvarla. La ragazza chiede ad Hans di baciarla ma lui le rivela di non averla mai amata e di volerla sposare solo per il regno. Olaf le rivela allora di dover baciare Kristoff, che la ama molto.

Il perfido principe Hans vuole trovare Elsa per ucciderla e regnare su Arendelle. Si mette in viaggio e quando trova la Regina le dice che Anna è morta. Il suo dolore è talmente forte che la tempesta cessa. Nel frattempo Anna vede Kristoff, e i due corrono l’uno verso l’altro per baciarsi. Allo stesso tempo Anna vede Hans che sta per uccidere Elsa e decide di mettersi in mezzo ai due per morire al suo posto. Anna diventa una statua di ghiaccio. Elsa è disperata. In realtà il gesto di Anna è un atto di amore fraterno: la ragazza si risveglia e tutti insieme tornano al castello.

Hans viene riportato nel suo regno e punito dai fratelli. Anna e Kristoff si fidanzano. Olaf grazie ad una magia di Elsa riesce a sopravvivere. La Regina impara a controllare i suoi poteri grazie all’amore e inizia ad utilizzarli per il bene comune.

Frozen, un film carico di significato

Il successo di Frozen è dovuto senza dubbio al suo significato carico di valori meravigliosi. L’amore è la colonna portante dell’intera storia: quello tra uomo e donna, tra amici ma soprattutto tra sorelle. E proprio l’amore tra Elsa e Anna riuscirà a salvare il regno e le loro vite.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *