foto_neonato_durante_la_poppata

Come deve essere la poppata dei prematuri: tutte le indicazioni

Come deve essere la poppata dei prematuri

I bambini nati prima del termine previsto della fine della gravidanza necessitano di una più accurata forma di accudimento. Sono bimbi che lottano per vivere e la loro crescita è fondamentale per poter meglio adattarsi alla vita extra uterina. Dunque la poppata assume una rilevanza cruciale dalla quale ne deriva un sano e soddisfacente sviluppo dei prematuri. Scopriamo insieme come deve essere.

Il neonato pre termine viene allattato prevalentemente con il biberon. La sua permanenza nel reparto di neonatologia infantile è generalmente lunga ed i piccoli nell’incubatrice vengono alimentati con biberon appositamente adatti a loro. Solo con il tempo potranno sperimentare anche l’allattamento al seno. Ma forniamo qualche indicazione di seguito per capire come deve essere la poppata con il biberon dei neonati prematuri.

La cosa principale da considerare prima di tutto è optare per l’acquisto di un biberon per la poppata che si adatti al neonato. Deve essere un biberon che sia il più simile possibile al seno materno. Sia per ciò che riguarda la forma, che la consistenza ma anche la velocità del flusso. I biberon con la tettarella in caucciù sono più morbidi e consentono al neonato una suzione più agevole.

La poppata dei prematuri

La durata della poppata dei prematuri non deve superare i 10 minuti. Si introduce la tettarella nella bocca del neonato facendo attenzione che la lingua sia abbassata. La posizione del neonato non deve essere distesa ne completamente eretta ma in linea in modo da favorire l’allattamento.

Iniziata la suzione è probabile che il piccolo, dopo aver preso appena poco latte, si addormenti. In tal caso è possibile intrattenerlo toccandogli i piedini. I neonati prematuri devono recuperare peso e dunque ad ogni poppata è fondamentale che assumano la quantità di latte stabilita.

È sconsigliato tuttavia forzare il biberon se il neonato serra completamente la bocca. Ricordiamo a tal proposito che il latte avanzato non si può somministrare alla successiva poppata a causa dell proliferazione dei batteri. Le ragioni per le quali il neonato rifiuta il latte potrebbero essere diverse. Sarebbe utile analizzare le possibili cause. È possibile che sia sazio oppure che stia facendo troppa fatica a succhiare e quindi sia stanco.

Per questa ragione è fondamentale la scelta di un biberon adeguato per l’allattamento di un neonato nato prima del termine. Andare comunque per esclusione senza inutili allarmismi è la soluzione migliore.

Ovviamente il ritorno a casa di un neonato prematuro dopo un lungo periodo di degenza in ospedale dove era il personale medico ad occuparsi di tutto equivale ad una nuova nascita del neonato che vi vedrà ora più che mai partecipi della sua vita.

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, adoro il mondo dei bimbi trascorro con loro la maggior parte del mio tempo facendogli da tata. Mi diletto a scrivere per Passione Mamma e ciò mi riempie di gioia e soddisfazione. Sogno di scrivere un libro dedicato al mondo delle donne in dolce attesa, perché ritengo sia davvero straordinario ciò che la natura ci ha donato. Email: f.fiore@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *