foto_neonata

Antidepressivi alla neonata per non farla piangere: la bimba muore

Ha dell’incredibile quanto accaduto in Francia 3 anni fa ad una bambina di soli 13 mesi. La piccola è morta per aver ingerito antidepressivi. Come ha fatto una bimba così piccola ad aver preso degli antidepressivi? I genitori hanno messo i farmaci nel latte della loro piccola. La motivazione di un gesto tanto assurdo è altrettanto scioccante. La mamma e il papà della piccola hanno deciso di somministrarle antidepressivi per farla smettere di piangere. L’organismo della piccola Maëlyne non ha resistito a farmaci così potenti. La bambina è morta.

Maëlyne è morta in un ospedale di Champagne, in Francia, il 27 febbraio 2015. La versione raccontata agli inquirenti dai genitori non ha mai convinto più di tanto. La coppia ha raccontato fin da subito che il giorno della tragedia aveva organizzato una festa in casa. Secondo la loro versione, quando gli ospiti sono andati via, la loro bambina ha afferrato un bicchiere di vino rosé e dopo averlo bevuto sarebbe finita in coma.

La versione dei genitori non ha mai convinto gli inquirenti

Gli inquirenti hanno sempre dubitato della versione dei genitori. La piccola infatti non era in grado di camminare e a maggior ragione di afferrare un bicchiere sul tavolo e di berne il contenuto. Per questo motivo le indagini sono sempre andate avanti seguendo altre piste. A confermare i dubbi degli inquirenti sono state anche le indagini autoptiche sul corpo di Maëlyne.

Nel sangue della bimba sono state trovate tracce di farmaci antidepressivi. La stessa sostanza è stata trovata anche nel biberon della piccola, sul quale sono stati fatti dei controlli. Anche nel biberon della sorellina di Maëlyne di soli 3 anni sono state trovate tracce della stessa sostanza.

Secondo gli inquirenti i genitori della bambina avrebbero messo antidepressivi nel biberon della piccola per farla smettere di piangere. Dopo 3 anni di scuse non credibili, i genitori verranno giudicati e rischiano di passare in carcere davvero molti anni se i giudici decideranno di condannarli.

La mamma Delphine Niepceron di 27 anni e il papà Cyrille Le Got di 43 anni sono accusati di aver messo nel biberon di loro figlia degli antidepressivi con lo scopo di farla smettere di piangere. Secondo gli inquirenti i genitori non avrebbero avuto intenzione di uccidere loro figlia, ma solamente di farla calmare. Nonostante ciò i due rischiano circa 20 anni di carcere. L’accusa è di aver somministrato sostanze pericolose alla loro bambina. L’ultima parola adesso spetta ai giudici di Le Mans.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *