foto_bambino_intelligente

5 cose da fare per rendere i bambini più intelligenti

Per crescere bambini intelligenti non basta mandarli a scuola a imparare la storia, la geografia, la matematica o l’italiano. È importante stimolarli anche in casa o fargli vivere esperienze in contesti diversi, alla scoperta di luoghi dove ammirare opere d’arte o osservare paesaggi naturali unici o semplicemente lasciarli interagire con altri bambini da cui possono imparare tanto, dalle emozioni alla condivisione. L’intelligenza, infatti, è la capacità di trovare soluzioni in una varietà di contesti, non è solo conoscere le tabelline o sapere a memoria tutte le capitali europee.

5 consigli per sviluppare l’intelligenza dei bambini

  1. Il linguaggio: Per rendere i piccoli più intelligenti è fondamentale parlare con loro, raccontargli la propria giornata, leggergli un libro o cantare insieme sono tutte cose che servono al bambino per imparare nuove parole. Vi stupirà sentire usare vocaboli inconsueti che ha assimila come una spugna durante le vostre chiacchierate.
  2. La creatività: per aumentare le capacità dei bambini serve incentivare la loro creatività fornendo loro di tutto ciò che può essere utile per colorare, dipingere o creare con la fantasia e le mani come la plastilina e le costruzioni. Anche la presenza di strumenti musicali aiuta a sviluppare tutte le sue potenzialità.
  3. Giochi: esistono dei giocattoli che aiutano di più di altri ad accrescere le capacità cognitivi di un bambino. Tra questi ci sono i puzzle e il memory che servono proprio per allenare la memoria e la pazienza. Sono molto utili anche quelle attività in cui si fa finta di essere qualcuno, aiuta a ideare mondi nuovi.
  4. Intelligenza emotiva: un elemento da non sottovalutare, per consentire ai bambini di imparare e di accrescere il loro sapere, sono le emozioni, utili per lo sviluppo cognitivo. Il bimbo, a cui si insegna a riconoscere i sentimenti, risolve questioni e problemi più facilmente. I genitori possono aiutarlo chiedendo quello che prova quando lo si vede allegro o triste o quando ha scatti di nervosismo, solo così impara a identificare le emozioni e a gestirle.
  5. Compiti in casa: ci sono faccende che possono essere svolte anche dai più piccoli per farli contribuire a rendere gli spazi dove si vive insieme più accoglienti. Dargli un incarico che sia spolverare la sua camera, sistemare i giochi, mettere la tavola, dar da mangiare a un animale domestico, aiutare a cucinare responsabilizza i ragazzini, che grazie a questo imparano nuove abilità.

Laureata in Scienze della comunicazione lavoro da anni nella realizzazione di contenuti per il web per condividere esperienze e conoscenze. Scrivere per Passione mamma è un modo per trovare le soluzioni alle mie domande da genitore e per aiutare altre donne ad affrontare la maternità senza stress, ansie e timori, ma con gioia e serenità. Email: i.aurino@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *