foto_vaccini_obbligatori

Vaccini, stop all’autocertificazione: i documenti saranno inviati dalla Asl

I vaccini obbligatori hanno rivoluzionato questo nuovo anno scolastico. La procedura però fino a questo momento non è stata delle più semplici e molti genitori si sono trovati in difficoltà. Da settembre le famiglie hanno dovuto presentare l’autocertificazione per dimostrare l’avvenuta vaccinazione dei figli. Tanti genitori però non sono riusciti a trovare l’autocertificazione o non hanno saputo come compilarla. Per questo motivo un nuovo emendamento ha semplificato la procedura, eliminando l’obbligo di presentazione dell’autocertificazione dal prossimo anno.

I genitori l’anno prossimo non dovranno più presentare l’autocertificazione. Questo è quanto stabilito da un emendamento al dl fisco approvato in Commissione Bilancio al Senato. Con l’eliminazione dell’obbligo di presentazione dell’autocertificazione si avrà perciò una netta semplificazione. I genitori non dovranno più preoccuparsi di scaricare e compilare il modulo. Allora chi invierà alle scuole i dati relativi ad ogni alunno? Ci penseranno direttamente le Asl.

Le Asl invieranno direttamente i nomi dei non in regola alle scuola

Dal prossimo anno scolastico la procedura sarà rivoluzionata. Gli istituti invieranno alle Asl gli elenchi degli iscritti. A loro volta le Asl faranno i dovuti controlli, verificando se ogni studente è a regola con le vaccinazioni e in caso negativo quali sono quelle mancanti. Le Asl invieranno alle scuole i nomi degli alunni non a regola.

Fino a questo momento, oltre a presentare l’autocertificazione per i figli in regola, i genitori dovevano fare anche altro. In caso di bambini non in regola, ogni famiglia doveva compilare un’altra autocertificazione, dimostrando di avere preso appuntamento per le vaccinazioni mancanti. Insomma, la proceduta non era affatto semplice e spesso mandava in confusione le famiglie.

“La scuola stila gli elenchi e parla con le famiglie mentre la Asl verifica. Con la legge sull’obbligo, per cui siamo stati tanto criticati, abbiamo ottenuti buoni risultati” ha dichiarato il ministro della salute Lorenzin, che in primis ha voluto che questa legge diventasse realtà.

Nonostante un po’ di caos iniziale, dovuto anche all’incertezza su come presentare l’autocertificazione e come fare se il figlio non è in regola, adesso l’obbligo di vaccinazioni sta procedendo piuttosto bene.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *