Portano culla sulla tomba della figlia: il Comune ordina la rimozione

Portano culla sulla tomba della figlia: il divieto del Comune

Un oltraggio alla morte della figlia. Due genitori inglesi, Stacy e Jason Tinmurth, di Immingham, in Gran Bretagna, sono stati considerati “fuori legge” per aver portato una culla sulla tomba della figlia. La coppia ha infatti perso la primogenita prima ancora che nascesse.

La primogenita della coppia è morta prima che nascesse

La piccola Maisy è nata nel 2013 senza vita. In occasione di quello che sarebbe stato il suo quarto compleanno, la coppia – che ne frattempo ha avuto altri figli – ha deciso di ricordare la figlia portandole una culla sulla tomba del cimitero.

Culla con fiori e peluche nel giorno del suo quarto compleanno

All’interno, hanno posto fiori, peluche e dediche. Poi, la beffa: per il Consiglio comunale quella culla è “contro le regole del cimitero“, per cui bisogna assolutamente rimuoverla. I genitori, increduli per quanto accaduto, hanno ricevuto il sostegno di tutta la comunità che ha lanciato una petizione: a nulla sono servite le più di 55 mila firme raccolte.

foto_culla_cimitero

Le parole della mamma

Sono infastidita dal modo in cui ci hanno trattati – ha raccontato Stacy al Daily Mail – forse abbiamo sbagliato a non chiedere il permesso, ma non credevo fosse necessario per mettere qualcosa sulla lapide di mia figlia. Anche se siamo andati avanti e abbiamo avuto altri figli non vuol dire che Maisy non faccia più parte della nostra vita“, ha detto.

La lettera del comune

La donna ha poi mostrato la lettera ricevuta dal Comune. “Nella speranza di non offendere o turbare nessuno la culla recentemente installata è contro le regole del cimitero“, si legge nella missiva. “Vi preghiamo di rimuoverla altrimenti saremo costretti a farlo noi“, ha comunicato l’amministrazione del paese, che ha dato una settimana di tempo ai genitori.

Rimozione forzata

La coppia, d’altro canto, non ha alcuna intenzione di togliere la culla, tanto da aver assunto un vigile che la possa sorvegliare fino a quando non si provvederà alla rimozione forzata. I genitori ritengono sia un’offesa alla memoria della figlia morta.

Studentessa di Lettere a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *