foto_marsiupoterapia

Neonato soffoca nel marsupio della mamma: caso archiviato

Neonato soffoca nel marsupio della mamma: caso archiviato

Alla fine, si è deciso per l’archiviazione del caso senza alcun indagato e alcuna ipotesi di reato. Fa riflettere e – ad alcuni – indignare la scelta del pm Letizia Ruggeri, che aveva aperto un fascicolo modello 45 sul decesso del bimbo senegalese di soli due mesi morto nel marsupio della mamma.

La decisione del PM

Il Pubblico Ministero non ha ravvisato elementi per avviare un processo. L’ipotesi più plausibile rimane quindi quella della morte in culla senza cause apparenti. Una tragica fatalità, dunque, per la quale non è stata disposta nemmeno l’autopsia. In mattinata al Papa Giovanni XXIII è stato effettuato solo un riscontro diagnostico.

Il dramma dei genitori

Oltre la giustizia, però, rimane il dramma dei genitori, Cheickh, 47 anni, operaio nel quartiere San Paolo, a Bergamo, e di Amy, 30 anni. Mohamed, primogenito della coppia, è morto soffocato per un rigurgito mentre era nel telo tradizionale sulla schiena della mamma.

I fatti

Mohamed era legato alla schiena della mamma in un velo. Alle 10 circa, la donna si accorge che il piccolo continua a muoversi, come fosse infastidito. Giunta al pronto soccorso, la tragica diagnosi: il piccolo, che aveva già smesso di respirare, aveva avuto un rigurgito.

Il decesso

La giovane mamma è svenuta un paio di volte per lo shock, inutili gli accertamenti sul piccolo nel reparto di Terapia intensiva. Il bambino aveva infatti riportato danni cerebrali e le possibilità di salvarlo erano ridotte. Nella notte è sopraggiunto il decesso.

Raccolta fondi per il funerale

I genitori di Mohamed hanno deciso di seppellire il loro figlio al cimitero di Colognola, mentre nel frattempo il centro assistenziale che aiutava la famiglia in difficoltà ha avviato una raccolta di fondi per il funerale della vittima.

Marsupio sì o no?

Torna a far discutere il tema della sicurezza del cosiddetto ‘marsupio‘, pur sottolineando che quello della donna non era un prodotto specifico ed attrezzato, piuttosto un telo stretto sopra la schiena. Che è costato però la vita al piccolo Mohamed.

Studentessa di Lettere a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *