foto_bambina

Diana: significato, onomastico e curiosità sul nome

Diana: significato, onomastico e curiosità sul nome

La scelta del nome costituisce da sempre uno dei momenti più difficili e combattuti, specie se si hanno gusti diversi. C’è chi ama un nome classico, chi al contrario sceglie una nomea rara e particolare. Uno dei nomi più belli e più scelti dalle mamme italiane è Diana: vediamo il significato, l’onomastico e tutte le curiosità su questo nome.

Diana: etimologia e significato

Il nome Diana riprende la tradizione classica ed in particolare ricorda la dea romana Diana. Il nome, la cui attestazione più antica risale a Diviana, è riconducibile alla radice dyeu o dyeus, “splendere” oppure “cielo“. I significati possibili sono dunque “divina“, “celeste“, “luminoso“, “splendente“.

É proprio nell’antica Roma che questo nome iniziò ad essere diffuso, ma esclusivamente al di fuori degli ambienti cristiani, nei quali era visto come pagano. Dopo un calo, dal Rinascimento il nome Diana subì una rapida espansione. Per i romani Diana era la dea della caccia e protettrice degli animali.

Diana, onomastico, diffusione e curiosità

Ultimamente, in Italia, si sta diffondendo anche la variante di Diana, cioè Daiana, dovuto alla pronuncia del nome in Inghilterra. Nel Regno Unito, infatti, questo nome divenne comune dopo il 1817, quando venne pubblicato il romanzo di Walter Scott Rob Roy, nel quale è presente il personaggio Diana, appunto.

Dal XIX ha subito un veloce processo di diffusione in quasi tutta Europa, in particolar modo in Francia dove è stata adottata la forma Diane.

Non esiste una data fissa per festeggiare Diana. L’onomastico può infatti ricorrere sia il 10 giugno, in memoria della beata Diana degli Andalò, monaca domenicana, sia in memoria della beata Diana Giuntini, patrona di Santa Maria a Monte, commemorata il primo lunedì dopo Pasqua. Tendenzialmente, però, si opta per la prima data.


Leggi anche: Altri bei nomi greci femminili


Altre curiosità sul nome Diana: il numero fortunato è il tre, il colore è il rosso. La pietra fortunata è il rubino, il metallo invece è il rame.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *