foto_bonus_bebè

Bonus bebè ridotto: scoppia la polemica tra i politici

Nelle ultime settimane il bonus bebè sta facendo molto parlare di sé. Dopo l’eliminazione dalla Legge di bilancio 2018, il Governo ha deciso di rifinanziarlo su pressione di molti partiti politici. Sembrerebbe però che il bonus sia stato riconfermato con diverse condizioni. La norma da ieri in Commissione Bilancio sembrerebbe prevedere che il bonus sia erogato solamente per il primo anno di vita del bambino, e con somma dimezzata, quindi 40€ invece di 80€, a partire dal 2019. Le cose potrebbero però non stare così.

La manovra non è stata compresa da Ap

Nel testo della Commissione di Bilancio c’è scritto che il bonus è “fino al compimento del primo anno di età del bambino”. Molti partiti politici hanno quindi inteso che il sussidio sarà erogato solamente fino ad un anno del neonato. Tra questi partiti c’è Alternativa Popolare.

Il partito Alternativa Popolare chiede che il bonus venga erogato per i primi 3 anni del bambino, così come previsto dalla legge che l’ha istituita. La senatrice Simona Vicari, nel dibattito in Aula sulla Legge di Bilancio, ha parlato proprio delle nuove condizioni del bonus. Per la Vicari la durata di 3 anni del bonus è condizione necessaria affinché il suo partito, Alternativa Popolare, voti la manovra.

La senatrice ha chiesto che si rispetti “l’accordo politico strategico sulla famiglia raggiunto in commissione che per noi rappresenta la più importante condizione per votare questa manovra”. Per Alternativa Popolare il bonus deve quindi avere durata triennale.

Il Pd chiarisce la situazione

Il capogruppo del Pd in Commissione di Bilancio Giorgio Santini ha spiegato che il bonus sarà comunque erogato per 3 anni, anche se non sempre con la stessa somma. Durante il primo anno del bambino il bonus sarà erogato come sempre 80€ mensili, ma nel secondo e terzo anno sarà dimezzato a 40€ mensili. Il sussidio comunque sarà erogato sempre per 3 anni e non per uno come si era ipotizzato ieri.

“La norma è chiarissima, il bonus è triennale fino ai tre anni di vita del bambino” ha spiegato Giorgio Santini, rispondendo ai dubbi dell’intera Alternativa Popolare.

Bonus bebè: ecco quanto spetta ai genitori

Il bonus a partire dal 2019 sarà erogato con un assegno di 80€ solamente per il primo anno: per gli altri 2 anni saranno 40€ mensili. Per le famiglie con Isee sotto i 7.000 l’importo è raddoppiato, quindi 160€ per il primo anno e 80€ per gli altri 2.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *