foto_bimbo_felice

Un bambino che corre, urla e attira l’attenzione è un bambino felice

Quando i bambini non stanno mai fermi a casa, al ristorante, per strada e sono sempre curiosi, vogliono toccare tutto, scoprire cosa si nasconde in un negozio, in un supermercato o in un bar non sono iperattivi, non sono malati, non hanno bisogno di medicine e di cure psichiatriche, sono solo bambini felici. Infatti, quello che li differenzia dai loro colleghi un po’ più tristi e musoni è la loro voglia di esprimere questa immensa gioia che fa parte della loro natura.

Le caratteristiche dei bambini felici

Certo un bimbo che quando si va a casa di amici a cena sta fermo e immobile, seduto a tavola come gli adulti o che in casa trascorre i suoi pomeriggi tranquillamente a giocare o a vedere video su un tablet per molti genitori sarebbe un sollievo.

Perché riescono a vivere in pace e tranquillità, senza pensare che qualcosa nel proprio figlio non vada bene. Eppure questi piccoli non stanno vivendo a pieno la loro infanzia, quelli più contenti nella vita sono i bambini che urlano, strillano e richiamano continuamente l’attenzione di mamma e papà.

Sono coinvolgenti, fanno sorridere, vogliono che tutti condividano la bellezza del giocare, del rincorrersi, del nascondersi. Costa molta fatica stargli dietro, vestirli, farli mangiare e non è sempre facile, ma è un’esperienza arricchente, che porta una gioia infinita.

Solo quando ci si trova ad affrontare altre persone, in particolare quelli che soffrono di bimbofobia, che i dubbi sulla propria genitorialità si fanno più insistenti.

Le loro occhiate di rimprovero fanno sentire le madri come incapaci di saper gestire i propri figli non abbastanza educati e invece l’educazione non c’entra nulla, i piccoli cercano soltanto di scoprire a modo loro il mondo che li circonda.

Inoltre, a dare sostegno ai paurosi dei cuccioli d’uomo ci sono i ristornati, gli alberghi, i villaggi turistici, le compagnie aeree che vietano l’ingresso di bambini troppo vivaci, perchè potrebbero infastidire gli altri clienti. Si sono dimenticati tutti di come era meraviglioso essere piccoli?

Come aiutare i bambini ad essere felici

Indipendentemente da quello che pensano gli altri, i bambini non sono robot o belle statuine e non servono farmaci per calmare questa loro esuberanza. Fermare la loro gioia significa bloccare la loro natura e invece bisogna rispettarli, farli crescere sereni anche se questo per molti genitori significa aumentare il livello della propria pazienza.

In fondo tutti vogliono la stessa cosa: vedere i propri bambini felici e per farlo non bisogna evitare di portarli al ristorante o a eventi mondani, ma scegliere posti e luoghi dove i ragazzini e i genitori possono sentirsi a proprio agio.


Leggi anche: Come calmare i bambini vivaci con l’aiuto delle tisane


L’importante è scegliere family hotel, locali baby friendly, mostre e musei dedicati esclusivamente ai più piccoli. Le passeggiate all’aria aperta non devono mai mancare, senza dimenticare di portarsi un pallone o una bicicletta e le bolle di sapone da inseguire senza alcun pensiero.

Laureata in Scienze della comunicazione lavoro da anni nella realizzazione di contenuti per il web per condividere esperienze e conoscenze. Scrivere per Passione mamma è un modo per trovare le soluzioni alle mie domande da genitore e per aiutare altre donne ad affrontare la maternità senza stress, ansie e timori, ma con gioia e serenità. Email: i.aurino@passionemamma.it

Un'interazione con “Un bambino che corre, urla e attira l’attenzione è un bambino felice”

  1. Che articolo inutile e dannoso, voi fate i figli e avere il DOVERE di educarli! Il lasciarli scorrazzare e urlare al ristorante non è rispetto per loro, è maleducazione e incuviltà, perché al mondo non esistete solo voi e i vostri figli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *