Sintomi bronchiolite

Sintomi bronchiolite: come riconoscerli nel bambino

Sintomi bronchiolite

Non è sempre facile capire che il proprio piccolo è affetto da bronchiolite. Questo, almeno inizialmente si presenta come un comune raffreddore.I sintomi tipici della bronchiolite, infatti, sembrano essere i seguenti: naso chiuso, tosse, rientramenti intercostali e del giugulo, catarro e un po di febbre. È possibile anche che il vostro bambino oltre ai sintomi sopra citati, possa avere anche delle difficoltà nel mangiare.

Il respiro affannoso nei neonati sta ad indicare che molto probabilmente potrebbe essere affetto da bronchiolite. Ad ogni modo, è bene contattare nel più breve tempo possibile il pediatra, al fine di capire se si tratta di bronchiolite o di una semplice influenza.

Respiro affannoso cause: non si tratta di una condizione infrequente nei bambini. Per lo più i bambini presentano il respiro affannoso quando presentano delle difficoltà respiratorie dovute a raffreddori e infezioni respiratorie.

Sintomi bronchiolite

Bronchiolite

Ma cosa è effettivamente la bronchiolite? Si tratta di un’infezione virale acuta che attacca il sistema respiratorio. L’infezione in questione è causata principalmente dal virus respiratorio sinciziale, anche se ne esistono altri che possono esserne la causa. Ad ogni modo, la bronchiolite viene trasmessa per contatto diretto con le secrezioni infette.

Il periodo di contagio dura dai 6 ai 10 giorni. Questa infezione attacca principalmente i bronchi e bronchioli, causandone un’infiammazione che aumenta via via. Sin dai primi giorni comincia a comparire il muco che va ad ostruire le vie aeree, causando le prime difficoltà respiratorie.

Tosse neonato

La tosse, per chi non lo sapesse, è una difesa del nostro corpo attivata per liberare le vie respiratorie da qualcosa che le ostruisce.

Tosse nei bambini, quando preoccuparsi? Generalmente quando si tratta di bambini molto piccoli, la tosse viene vista dai genitori come un campanello d’allarme. La tosse nei neonati un po come nell’adulto può essere di diverso tipo.

Ad esempio, la tosse secca nei bambini può essere particolarmente fastidiosa. In questo caso è dovuta all’espulsione dell’aria senza la necessità di dover espellere catarro.La tosse continua nei bambini è molto frequenta, ma in questi casi è bene consultare immediatamente il pediatra, a maggior ragione quando oltre alla tosse si presenta anche il catarro nei bambini.

In questi casi si tratta di tosse grassa, che permette all’organismo di eliminare le vie respiratorie e le secrezioni accumulate.

Bronchiolite neonati

Come negli adulti, la bronchiolite nei neonati si presenta come un’infezione che colpisce il sistema respiratorio. Questa colpisce per lo più i bambini di età inferiore ad un 1 anno, soprattutto nei primi sei mesi di vita del bambino.

Nello specifico, i periodi critici sono quelli compresi tra il mese di novembre ed il mese di marzo. Particolarmente soggetti a questo tipo di infezione sono i bambini molto piccoli, i quali presentano determinati sintomi, come quelli sopra descritti.

Purtroppo nei bambini molto piccoli si possono anche verificare episodi di apnea. In presenza di muco nel neonato, si potrebbe anche essere in presenza di un’altra infezione. Questa è la bronchite asmatica.

La bronchite asmatica nei bambini colpisce i bronchi che essendo molto piccoli, si ostruiscono facilmente, causando un aumento del muco, accompagnato da raffreddore.

Febbre nel neonato? Questa ovviamente potrebbe avere diverse cause e significati, ma parlando di bronchiolite potrebbe essere uno dei principali sintomi dell’infezione.

Tosse grassa bambini

Come abbiamo visto la tosse non è sempre uguale. Oltre a quella secca, esiste anche la tosse grassa, caratterizzata dalla risalita del catarro verso la gola. Attraverso la tosse grassa, il nostro corpo riesce a liberare le vie respiratore, liberandole da muco e catarro.

La tosse grassa è particolarmente presente durante la notte o al risveglio ed è molto frequente nei bambini molto piccoli. Tra i rimedi più importanti per curare la tosse grassa, citiamo sicuramente l’aerosol da fare con la soluzione fisiologica, facilitando la fluidificazione delle secrezioni.

Manuela Rizzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *