foto_pianto

Il pianto dei bambini attiva alcune aree del cervello della mamma

Il pianto del proprio bambino è per ogni mamma un segnale che attiva determinate aree del cervello. Non importa quale sia l’età, la provenienza o la cultura di ogni mamma: automaticamente quando questa sentirà il proprio bambino piangere, reagirà nello stesso identico modo di tutte le altre. Infatti il pianto dei bambini attiva in tutte le mamme una determinata area del cervello. Questa area è quella che controlla movimento e linguaggio. Quando i bambini piangono, le mamme li prendono in braccio e parlano loro, cercando di calmarli.

La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Accademia americana delle scienze e svolta dai ricercatori del National Institutes of Health americano, guidati da Marc Bornstein. Sono state prese in considerazione 684 mamme.

Sono stati studiati comportamenti e immagini ricavati attraverso la risonanza magnetica. Le donne provenivano da Paesi molto diversi tra loro: Argentina, Belgio, Brasile, Camerun, Francia, Israele, Italia, Giappone, Kenya, Corea del Sud e Stati Uniti.

Le mamme sono state osservate e sottoposte a risonanza magnetica

Le donne prese in esame sono state osservate per un’ora mentre a casa interagivano con i loro figli di 5 mesi. I ricercatori hanno osservato attentamente come reagissero al pianto del loro bambino e quindi cosa facessero per calmarlo. Tutte le mamme si sono comportate allo stesso modo. Infatti tutte, indipendentemente dal Paese di provenienza, hanno preso in braccio il loro bambino e gli hanno parlato per calmarlo.

Attraverso una risonanza magnetica hanno sottoposto le donne al pianto dei bambini. Hanno perciò visto che al suono del pianto dei propri figli si attivano nel cervello specifiche aree. Queste aree sono proprio quelle del movimento e del linguaggio. Tutte le mamme, sia quelle che hanno già figli che le neomamme, hanno reagito allo stesso modo.


Leggi anche: Pianto neonato, quando preoccuparsi


Secondo i ricercatori questa scoperta sarà molto utile per comprendere quali mamme possono potenzialmente trattare male i loro figli. Infatti nelle donne in cui queste aree del cervello non si attivano, possono esserci gravi problemi che possono persino portare a maltrattare i propri figli.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *