foto_neonata_che_dorme

Fino a che età i bambini devono dormire con i genitori

Fino a che età i bambini devono dormire nel lettone

Far dormire il bambino nella camera insieme ai genitori è una consuetudine. Sono soprattutto i primissimi mesi di vita del bebè quelli essenziali affinché egli condivida il luogo di riposo con la mamma ed il papà. Ma fino a quando è giusto che si consolidi questa abitudine?

Appena nati i bambini necessitano di una costante attenzione anche durante la notte. Soddisfare prontamente le richieste del piccolo significa averlo vicino condividendo con lui anche la stanza da letto. È comodo per i genitori ed è sicuramente soddisfacente per il bambino sentirsi protetto e consolato nel momento opportuno.

Ma quando arriva il momento di di rompere gli schemi e far si che il bambino riposi in una stanza diversa da quella matrimoniale?

Molti pediatri concordano che il bambino debba dormire con i propri genitori fino al raggiungimento del primo anno di età. In tal modo essi possono monitorarlo durante la nanna ed evitare i rischi connessi con la sindrome da morte improvvisa del lattante.

Superato il primo anno di vita, il bambino può iniziare a sperimentare il momento della nanna in una stanza tutta sua o insieme ad eventuali fratelli poichè l’età in cui si rileva una percentuale elevata di rischi legati alla SIDS sono essenzialmente i primi sei mesi.

I pediatri hanno voluto prolungare tale periodo per tutto il primo anno di vita del bambino. In questa raccomandazione non sono specificati i benefici del cosleeping. Il co-sleeping è la tendenza a far dormire il bambino nel lettone insieme con il papà e la mamma. Si sono poi più volte ribaditi gli effetti positivi derivanti dal contatto skin to skin anche con la figura paterna.


Leggi anche: Perché i bambini chiedono di bere prima di addormentarsi


Tuttavia sono state esplicitate le regole affinché il bambino entro l’anno di età debba dormire condividendo il luogo di riposo notturno con i suoi genitori:

  1. i neonati devono sempre dormire supini nel lettino;
  2. il lettino o la culla devono essere sgombri da oggetti come giochi o peluche;
  3. il lettino o la culla devono avere caratteristiche specifiche;
  4. le coperte non devono raggiungere mai il viso del bambino;
  5. il cuscino utilizzato dovrebbe essere molto sottile e non eccessivamente rialzato.

Laureata in Psicologia Clinica e di Comunità, adoro il mondo dei bimbi trascorro con loro la maggior parte del mio tempo facendogli da tata. Mi diletto a scrivere per Passione Mamma e ciò mi riempie di gioia e soddisfazione. Sogno di scrivere un libro dedicato al mondo delle donne in dolce attesa, perché ritengo sia davvero straordinario ciò che la natura ci ha donato. Email: f.fiore@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *