foto_febbre

Febbre neonatale: come riconoscerla e curarla

Febbre neonatale

Spesso la febbre nei bambini molto piccoli è vissuta con ansia e preoccupazione dai genitori. Essere preparati a ogni evenienza vi consentirà di non andare nel panico. Conoscete le cause e come intervenire per lenire il malessere? Di seguito proveremo a chiarire dubbi e se c’è necessità di contattare un medico.

Febbre

Perché viene la febbre? La febbre non è una malattia, è un sintomo di una patologia. Quando il neonato ha la febbre causa l’ansia del genitore: in realtà gioca un ruolo importante nella fisiologia del corpo. È una risposta di difesa del corpo ad agenti infettivi.

Febbre e le cause collegate: le infezioni virali come il raffreddore e l’influenza sono le malattie che causano la febbre; inoltre può manifestarsi:

– nelle malattie esantematiche (Varicella, Rosolia, Quinta malattia, Morbillo, Parotite)
– nelle infezioni dell’orecchio
– nelle Infezione urinaria

Febbre alta

Come capire se si ha la febbre? Quando lo fronte scotta, le mamme si allarmano. La prima cosa da fare è misurare la temperatura corporea ai bambini. Se la misurazione della temperatura rettale del neonato indica un valore maggiore di 37,5 gradi significa che il bambino ha la febbre, mentre a livello ascellare il valore scende a 37 gradi.

Cause di febbre più comuni

Denti: durante la formazione dei denti, si può avere febbre nei neonati, per via della produzione eccessiva di saliva che infiamma le gengive. Se c’è febbre senza altri sintomi, i genitori possono stare tranquilli. Di solito si tratta di una febbricola con cause non rilevanti.

Infezioni respiratorie: spesso si arriva a febbre a 38 gradi, possono essere virali o batteriche e causare febbre alta nei bambini; indispensabile contattare il medico.
Raffreddore: l’influenza , causata da un virus, può portare a disturbi respiratori come tosse, raffreddore e febbre alta nei bimbi.

Cosa mangiare con la febbre: bisogna dedicare maggior attenzione all’alimentazione quando si ha la febbre, in particolare si deve seguire un alimentazione leggera a base di alimenti naturali e vegetali. Idratare molto il bambino attraverso acqua, bevande calde, tisane. Se allattate ancora non ci sono problemi: evitate cibi grassi, i fritti e alimenti piccanti.

foto_febbre_neonato

Febbre alta bambini

Febbre alta cause: se la temperatura dei bambini sale la febbre può causare crisi epilettiche e altri problemi importanti. Chiamare il medico è fondamentale in questi casi. I bambini con febbre alta possono avere un’infezione risolvibile, mentre una febbricola costante può nascondere qualcosa di più serio.

Se la febbre è a 40 cosa fare? La febbre a 40 nei bambini può causare le convulsioni. Le convulsioni sono una delle manifestazioni più temute dai genitori. Una convulsione febbrile è un effetto collaterale della febbre alta nel bambino piccolo. Potreste preoccuparvi per le convulsioni se il bambino non risponde e sembra strano. Le convulsioni febbrili non dipendono direttamente dalla febbre ma si presentano con la febbre in neonati che ne hanno familiarità.

Febbre alta rimedi: cosa fare?

– Restare calmi e spostare il neonato in un luogo sicuro dove non può farsi del male.
– Non mettere nulla in bocca.
– Chiamare il 118 se la crisi dura più di 2 minuti.

Febbre neonato

L’organismo attua nei confronti di virus e batteri un meccanismo di difesa tra cui la febbre. Come si misura la febbre ai neonati? Il metodo più preciso è osservare la temperatura rettale dei bambini: inserire la punta del termometro per via rettale lasciandola per un minuto. Potete utilizzare sia il termometro prismatico, sia l’elettronico. Ma è un metodo altamente sconsigliato come vi spiegheremo più in basso.

La temperatura corporea dei neonati di 1 mese e mezzo si aggira intorno ai 37 gradi, con delle variazioni che oscillano tra i 36,8°C al mattino ed i 37,2°C la sera.

Cosa fare quando si ha la febbre: ascoltare sempre il parere medico, vista le delicata situazione del neonato con febbre e temperatura alta.

È indispensabile chiamare il pediatra se ci sono queste condizioni:

– se il bambino ha un età inferiore ai 6 mesi
– se ha sonnolenza, è letargico e non risponde agli stimoli
– se ha segni di disidratazione
– se ha irritabilità, pianto e aspetto sofferente
– se ha difficoltà respiratorie
– convulsioni
– altri sintomi (vomito, diarrea, rush cutanei)

Se è presente il raffreddore nel neonato di 1 mese, ricordate questi semplici accorgimenti:

– continuare ad allattare il bambino al seno, è un fattore protettivo per il sistema immunitario
– utilizzare l’acqua termale per pulire le narici nel neonato
– contattare il pediatra per la somministrazione di eventuali farmaci

La febbre nel neonato di 2 mesi è da prendere seriamente in considerazione: è una fascia d’età delicata, in cui il rischio di infezione batterica grave (setticemia, polmonite, meningite) è pari a circa il 10%. È consigliabile dunque contattare il pediatra.

Come far passare la febbre

Quali rimedi per la febbre utilizzare? Se la febbre è moderata bisogna concentrarsi sul fare scendere la temperatura del bambino.

Se la febbre è alta nel bambino ecco cosa fare:

– mantenerlo idratato e riposato, garantire uno stato di idratazione facendolo bere a sufficienza
– non forzarlo a mangiare se non ne ha voglia
– vestirlo con abiti leggeri
– non è consigliabile spugnature con acqua fredda e/o alcool per ridurre la temperatura perché si può avere vasocostrizione che non consente la dissipazione del calore; inoltre l’alcool può irritare la pelle.
– l’assunzione di farmaci antipiretici può dare, se usati in modo inappropriati, effetti tossici; attenti dunque al dosaggio, vanno lette le istruzioni e chiesto consiglio al pediatra se il bambino ha meno di 2 anni.

Temperatura neonati

Come misurare la febbre ai neonati: la febbre nel neonato è l’aumento della temperatura corporea ad di sopra dei limiti di normalità. Tali limiti possono variare da soggetto a soggetto. In realtà nel bambino avvengono variazioni fisiologiche della temperatura dal mattino alla sera con oscillazioni più ampie di quelle dell’adulto. Si può comunque definire normale la temperatura corporea del neonato compresa fra 36,5 e 37,5 gradi.

È febbre a 37,2? La temperatura che supera i 37.5 è febbre. Se supera la febbre a 39 si parla di iperpiressia.

La misurazione della temperatura è consigliata con termometro elettronico in zona ascellare. La misurazione della temperatura rettale è altamente sconsigliata, nei bambini con meno di 5 anni d’età, per la sua invasività. La misurazione orale è pericolosa nei neonati per il rischio di rottura, soprattutto se il termometro è a mercurio. In questo caso è preferibile non utilizzarlo con i neonati.

La febbre a 37: se la temperatura della febbre è di 36,9 è febbre? Chiariamo bene: la temperatura corporea al di sopra dei 37,1 è febbre, sebbene ci sia una variazione tra bambini e bambini.

È importante conoscere i valori medi del vostro bambino. Se la febbre è 37,5 si può con sicurezza affermare di avere un’infiammazione in corso e quindi ricorrere a rimedi per la febbre.

Febbre a 39 e febbre a 40: la febbre a 39 nei bambiniè considerata seria, bisogna subito somministrare antipiretici e contattate il medico; se la temperatura supera i 40 gradi si può incorrere a un danneggiamento cerebrale.

Febbre senza sintomi

Se la febbre nei bambini è senza sintomi non è indispensabile soltanto abbassare la temperatura. Se il bambino ha la febbre alta senza sintomi, ma non si comporta come malato, non bisogna preoccuparsi troppo. Se la febbre è di un neonato a 1 mese bisogna contattare il pediatra con tempestività.

Al contrario, la temperatura corporea bassa nei bambini è indice di ipotermia: il sistema termoregolatore del neonato è particolarmente sensibile, coprirlo in modo adeguato alla stagione consentirà un aumento della temperatura.

Si parla spesso tra le mamme di febbre della crescita. Queste febbri di crescita hanno un’eziologia sconosciuta e provocano febbre improvvisa, dolori muscolari e spossatezza.

La caratteristica della febbre di crescita è, oltre alla febbre improvvisa dei bambini, un significativo aumento dell’altezza del bambino, una volta guarito. Nel far passare la febbre attraverso un mix di farmaci, si assiste anche ad un accrescimento della statura del bambino. La febbre da crescita non ha delle evidenze scientifiche ma sotto forma di credenza popolare è molto conosciuta.

La febbre senza sintomi nei bambini è da tenere in considerazione, anche se non c’è bisogno di tenere il bambino a letto.

Se si verifica una febbre che va e viene, può significare che c’è una patologia che non si è risolta del tutto. Possono comparire anche altri sintomi, oltre la febbre continua, e si può nascondere una patologia seria (malattie genetiche, linfomi e cosi via).

foto_febbre_neonatale

Febbre altissima senza sintomi

Febbre altissima cosa fare: se la temperatura della febbre a 38 non si abbassa con gli antipiretici, e c’è febbre alta, va chiamato il medico che potrà prescrivere antibiotici adatti a curare l’infezione o la malattia che ha causato la febbre.

Quali rimedi per la febbre utilizzare? Ecco dei metodi per far passare la febbre:

– in inverno bisogna coprirsi bene, ma non troppo
– fare spugnature con acqua tiepida
– mantenere la stanze di casa ben ventilate
– idratarsi e mangiare leggero

Febbre in estate: può essere dovuta ad un colpo di calore, il clima estivo mette a dura prova la termoregolazione corporea dei bambini. La febbre nei bambini d’ estate è fastidiosa, ma più semplice da risolvere. Come farsi passare la febbre in estate: bere molto, evitare sudorazione e sbalzi di temperatura. Uno dei metodi per far venire la febbre è proprio avere salti di temperatura.

Febbre a 37

La febbre nei bambini è un evento molto comune al di sotto dei 5 anni d’età. È normale spaventarsi, perché siete genitori ma non sempre è pericolosa. Può capitare che svanisca da sola una volta che il corpo ha risolto il problema d’infezione.

Sono una psicologa e psicoterapeuta. Mi occupo principalmente di prima infanzia e sostegno alla genitorialità. Da sempre amo la scrittura e unirla alla passione per il mondo dei bambini mi incuriosisce! Il mio obiettivo è quello di diffondere informazioni, notizie e buone prassi psico-educative per le neo mamme e i loro pargoletti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *