foto_vomito_gravidanza

Cosa mangiare dopo aver vomitato in gravidanza e non solo

Cosa mangiare dopo aver vomitato

Dopo aver vomitato, soprattutto in gravidanza, è importante mantenere un’alimentazione adeguata per favorire l’attenuazione dei sintomi. In particolare, il vomito continuo nel corso del primo trimestre è fisiologico, ma può compromettere le abitudini quotidiane della futura mamma. Per questo è importante avere delle sane abitudini, per evitare un progressivo indebolimento delle condizioni fisiche.

Quindi cosa mangiare dopo il vomito? Resta utile, in casi di vomito eccessivo, la consumazione di cibi asciutti (crackers e/o fette biscottate); le quantità devono essere piccole ma frequenti, accompagnate da pochi liquidi, di cui è meglio consumare quelli più zuccherati, per avere energia. Altri alimenti da ingerire sono le mele o il riso in bianco.

Vomito e diarrea

L’aumento degli ormoni circolanti non è l’unica causa di nausea, poiché è possibile che la donna abbia la dissenteria; in tale circostanza la sintomatologia più comune è di diarrea e vomito.

Cosa mangiare con la dissenteria? Vanno bene le patate lesse, il pollo (precedentemente spellato), pesce bollito (con aggiunta di limone), o carote cotte.

Questa condizione può associare anche vomito e febbre con la necessità di ricorrere all’utilizzo di antipiretici per evitare l’aumento della sensazione febbrile. Invece, per quello che riguarda nausea e diarrea, specie nei casi resistenti alla sola alimentazione, può essere necessaria un’osservazione ospedaliera per infusione di liquidi endovena.

Rimedi contro il vomito

Rimedi contro il vomito

Mangiare e vomitare è un problema che solitamente regredisce già a partire dal quarto mese di gravidanza; spesso, però, possono rimanere disturbi gastro-intestinali dovuti al dislocamento dello stomaco per l’aumento del volume uterino. Tuttavia esistono rimedi utili, soprattutto in gravidanza.


Leggi anche: Nausea frequente in gravidanza? Significa che l’attesa procede bene!


Come fermare il vomito? Fermare il vomito può essere difficile, quindi è meglio prevenire, cercando di favorire la regressione della nausea. Durante la gestazione si può fare uso di zenzero (compresse, caramelle, tisane) per evitare la sensazione di nausea mattutina; è bene, comunque, evitare di superare i 75 mg giornalieri.

Ostetrica, appassionata di ricerca clinica e scientifica. Sognatrice convinta, viaggio più del tempo che ho a disposizione e leggo libri nei rari momenti liberi che mi ritaglio. Scrivo e parlo tanto (troppo!) perché credo nell'enorme potere che ha l'informazione, e soprattutto nella forza che ogni donna ha nel mettere al mondo il proprio bambino. Email: c.lumia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *