foto_bambina_soldi

Bonus bebè, ritardi nel pagamenti: il motivo e quando fare ricorso

Il bonus bebè è uno dei tanti sussidi previsti dallo Stato per le famiglie con basso reddito e con un figlio piccolo. Il bonus consiste in un assegno di 80€ per chi ha l’Isee fino a 25.000 e 160€ per chi ha l’Isee fino a 7.000€. Gli assegni vengono erogati per un massimo di 3 anni. Spesso però dopo la richiesta (che si fa all’Inps) passano molti mesi prima che il bonus bebè venga accreditato. Quali sono allora i normali tempi di attesa e quando va fatto il sollecito per il pagamento? Scopriamo di più sulle tempistiche dell’erogazione del bonus bebè.

Molte famiglie hanno segnalato eccessivo ritardo nell’erogazione del bonus. Alcune mamme hanno aspettato addirittura 9 mesi prima di ottenere ciò che spetta loro. Anche per il bonus mamma domani la situazione è la stessa: ci sono notevoli ritardi.

L’Inps ha spiegato che i ritardi sono dovuti alle molte domande arrivate che vanno esaminate e lavorate. Nonostante il molto lavoro da fare da parte dell’Inps, anche l’Istituto deve rispettare delle scadenze. Ci sono infatti dei limiti entro i quali l’Inps deve dare una risposta e quindi dire alla famiglia se la domanda è stata accettata o meno. Se il limite viene superato allora è possibile fare ricorso.

Quando fare ricorso all’Inps

Il limite che l’Inps deve rispettare è di 120 giorni dalla presentazione della domanda. Entro questa data l’Istituto deve fornire una risposta ai genitori che hanno presentato domanda. L’Inps deve perciò informare la famiglia sullo stato della domanda e dire loro se sia stata accettata o rigettata.

Se entro questi giorni, che corrispondono a 4 mesi, l’Inps non dà alcuna risposta e non eroga il beneficio, è bene fare ricorso. Si può chiamare il call center Inps o fare ricorso tramite il sito. In questo caso l’Istituto sarà obbligato a rispondere entro 30 giorni.


Leggi anche: Bonus pannolini, come richiedere 160 euro al mese per il bambino


I tempi di attesa per il pagamento del bonus comunque sono molto lunghi. Il minimo da aspettare è 4 mesi, per un massimo di 9. Insomma, davvero troppo per le mamme. Quando arriverà il pagamento dovrebbe avvenire intorno all’11 del mese, così come è stato per settembre e ottobre.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *