Bimba di 2 anni morsicata e graffiata al nido: genitori furiosi con le educatrici

Milano, bimba di due anni morsicata e graffiata al nido

Morsi, graffi e lividi sulle guance. Sono queste le condizioni in cui una mamma ha trovato la figlia di neanche due anni e mezzo all’uscita dall’asilo nido, mercoledì pomeriggio, dove si era recata per andarla a riprendere. La donna, letteralmente scioccata alla vista della figlia, ha allertato immediatamente il marito prima di portare la piccola al Pronto Soccorso.

È successo nella periferia milanese

É successo in un asilo nido comunale della periferia milanese. “Sono rimasto sotto choc – ha dichiarato a Il Giorno il papà – le maestre ci hanno spiegato che era stata morsa da un altro bambino. Ma mi domando: perché nessuno è intervenuto? Per lasciare quei segni non ci vogliono pochi secondi“.

Bimba morsicata da un compagno di scuola

Dall’asilo nido, intanto, fanno sapere che con i genitori della piccola è stato tutto chiarito. Dal Comune, invece, si sono limitati a dire che “purtroppo un imprevisto può capitare, soprattutto quando i bambini sono così piccoli. Spiace per la bimba, che ha una pelle particolarmente delicata“.

Lo sdegno del papà della piccola

Giustificazioni infondate secondo i genitori della bambina, con evidenti segni di morsi sia sulla guancia destra sia sulla guancia sinistra, non contando poi i graffi. “Immagino che la mia bambina si sia messa a piangere. Eppure l’altro bambino ha avuto il tempo di morderla altre due volte, cambiando anche guancia, e di graffiarla“, si interroga ora il papà.

La diagnosi in ospedale

Dopo essere uscita dall’asilo con la piccola, la mamma si è recata subito in farmacia, dove le hanno consigliato di far vedere la figlia al pronto soccorso “per provvedere in modo accurato in caso di infezioni“. In ospedale, poi, sono stati riscontrati “due evidenti segni da morsicatura con plurime scarnificazioni superficiali alla guancia destra e un segno da morsicatura più due graffi sulla guancia sinistra“.


Leggi anche: Come riuscirsi a fidare delle educatrici dell’asilo nido


I genitori stanno valutando l’ipotesi di denuncia

Nella struttura gli esperti hanno somministrato una cura antibiotica per una settimana, oltre ad una pomata da applicare sulle guancie per qualche giorno. “Mi auguro torni a frequentare il nido con serenità. Ma soprattutto esigo maggiore vigilanza da parte delle educatrici, i bambini non sono colpevoli ma c’è chi deve controllare e garantire un ambiente sereno“, conclude il papà, che sta valutando l’ipotesi di sporgere denuncia o meno nei confronti della scuola.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *