foto_sonno_occhi_aperti

Bambino non guarda mamma negli occhi? Potrebbe avere un problema

Non guarda la mamma negli occhi? Potrebbe essere autistico: lo studio

Capire e riconoscere se vostro foglio rischia l’autismo o meno, oggi potrebbe dipendere anche dalla vista. Sì, perché delle nuove ricerche hanno dimostrato che il mancato monitoraggio o uno sguardo sfuggente dei bambini fino a sei mesi potrebbero essere un indizio volto ad indicare se i piccoli svilupperanno o meno l’autismo.

La ricerca pubblicata sul Mirror

L’esperta Miriam Stoppard, infatti, ha pubblicato sul Mirror una sua personale esperienza da condividere. Sua nipote, scrive, è stata vista da un medico per un controllo alla vista. Mentre stava su un tavolo, racconta, il dottore scattò le dita e le spostò lentamente dalla sua sinistra verso destra.

Bisogna monitorare gli sguardi dei bambini

Di solito, continua a spiegare Miriam, i neonati preferiscono guardare e analizzare i volti dai primi giorni di vita. Non solo preferiscono i volti, ma nuovi studi suggeriscono che preferiscono anche guardare un genitore che parla piuttosto che oggetti non umani.

I movimenti degli occhi possono essere strumento di prevenzione

I movimenti degli occhi, noti come tracking, sono una guida all’apprendimento, utili a sviluppare nei neonati quella parte del loro cervello che li mette in relazione ai volti e alle immagini sociali dal momento della nascita.

In un centro di autismo negli Stati Uniti, il dottor Karen Pierce e il suo team stanno utilizzando la tecnologia di monitoraggio degli occhi per scoprire se i pattern degli occhi possono essere usati come segni di allerta precoce.

Tante ricerche a riguardo

Gli esperti, infatti, ritengono che la scelta del bambino su cosa guardare sin dai primi giorni di vita può significare se ci sono potenziali problemi di autismo o meno.

Ad esempio, in uno studio di monitoraggio degli occhi è stato dimostrato che i neonati fino a 14 mesi – diagnosticati poi con autismo – preferivano guardare film di forme geometriche piuttosto che film di bambini che fanno ballo o yoga.

In un altro recente studio di monitoraggio degli occhi, i pazienti di sei mesi che hanno ricevuto una diagnosi di autismo hanno osservato meno le caratteristiche di un volto della persona quando la stessa stava parlando. È interessante poi notare che guardare la bocca della madre a sei mesi significherebbe miglior sviluppo linguistico ed un vocabolario più grande fino a due anni.


Leggi anche: Gravidanza e autismo, come sono collegate le due cose


Conclusioni

Dunque le ricerche hanno analizzato che il monitoraggio degli occhi può prevenire l’autismo. Il primo segno della malattia, infatti, potrebbe essere non guardare le facce e persone nei primi dodici mesi di vita del bimbo.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *