Alloro in gravidanza: proprietà e benefici

Alloro in gravidanza

La gravidanza è un’ottima occasione per intraprendere, se non lo si è già fatto prima, una dieta equilibrata e quindi anche per informarsi maggiormente riguardo ad importanti proprietà presenti all’interno di determinati cibi, che consumiamo nella nostra quotidianità. Le foglie di alloro, per esempio, molto utilizzate nella cucina siciliana, oltre a possedere un delizioso aroma, influenzano positivamente la funzionalità dell’apparato gastroenterico; ecco perché il loro impiego potrebbe essere particolarmente utile, per esempio sotto forma di tisane digestive. In questo contesto anche il decotto di alloro è un ottimo rimedio contro i disturbi allo stomaco, comuni in questa particolare fase della vita.

Alloro proprietà

Come già precedentemente detto, l’alloro ha proprietà terapeutiche da non sottovalutare per quanto riguarda l’aspetto digestivo. Non solo, le tisane a base di foglie di alloro possono essere particolarmente utili anche nell’espellere eventuali gas intestinali in eccesso, in caso di meteorismo.

Tra i benefici dell’alloro vi sono pure importanti proprietà curative nei confronti dell’apparato respiratorio. Infatti, l’assunzione di foglie o bacche può essere particolarmente indicata per eliminare il catarro bronchiale in caso di tosse.

Inoltre una tisana di alloro può essere di giovamento anche in caso di febbre e stati influenzali, in quanto stimolatore della sudorazione. Infine, per uso esterno, l’alloro può essere estremamente efficace per lenire reumatismi, artrite o dolori muscolari, per la sua importante azione antinfiammatoria.

alloro in gravidanza

infusi di alloro

Un infuso di alloro è molto facile da preparare (è sufficiente procurarsi un po’ d’acqua e alloro) e può essere di grande aiuto, non solo come semplice tisana per digerire, ma anche per trattare i casi d’inappetenza.


Leggi anche: Disturbi in gravidanza, come combatterli con le tisane


Una volta fatta bollire l’acqua, basterà immergervi dentro 3 o 5 foglie d’alloro e spegnere il fuoco. In seguito sarà sufficiente coprire il preparato e lasciarlo in infusione per circa 10 minuti. Successivamente, dopo aver filtrato l’infuso, sarà possibile consumarlo immediatamente.

OSTETRICA appassionata ed orgogliosa di lavorare OGNI GIORNO al fianco delle donne. Laureata all'Università di Bologna, decido di diventare Consulente in Allattamento e poi di proseguire gli studi, conseguendo un meraviglioso Master a Firenze! Ora, oltre a lavorare come ostetrica volontaria in Consultorio, organizzo Incontri di Accompagnamento alla Nascita sul territorio di Bologna.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *