svezzamento

Svezzamento frutta: quando e come iniziare

Svezzamento frutta

Il passaggio dal latte alla nostra alimentazione è graduale. Inizia proprio con lo svezzamento frutta. Il bebè assaggerà qualche cucchiaino di frutta omogeneizzata. Il gusto dolce dell’alimento lo incoraggerà a sperimentare questa sostanza che ha una consistenza diversa dal latte, al quale è abituato. Svezzamento frutta, come iniziare? Proponiamo al bambino un cucchiaino con un po’ di omogeneizzato. Nei negozi per l’infanzia troviamo cucchiaini ideati appositamente per le prime pappe. Sono in silicone, morbidi, lisci e atossici.

La prima difficoltà che incontra il piccino è proprio il passaggio dalla tettarella, o dal seno materno, al cucchiaio. Inizialmente cercherà di succhiare il cucchiaino, pian piano cambierà approccio, spalancando bene la bocca. Non ci allarmiamo se le prime espressioni saranno di perplessità o, addirittura di disgusto.

Lo svezzamento è un processo lungo che richiede pazienza da parte del genitore. Il pediatra consiglia di iniziare con qualche cucchiaino di un vasetto omogeneizzato alla pera, più dolce e digeribile per poi proporre anche la mela e la banana.

svezzamento frutta

Svezzamento

Iniziamo lo svezzamento quando il bambino è sereno e dopo esserci confrontate con il pediatra che ci darà informazioni e consigli utili a riguardo. Quando iniziare lo svezzamento? L’Organizzazione Mondiale della sanità sostiene l’allattamento esclusivo al seno fino al 6° mese di vita. Se il bambino assume la formula, o per esigenze di organizzazione familiare, o di salute, il medico ci darà indicazioni per iniziare prima.

Ecco alcuni indicatori che ci mostrano che il bebè è pronto per lo svezzamento. Ha perso il riflesso di estrusione, quella difesa fisiologica che permette al neonato di espellere dalla bocca ciò che non è liquido. Mostra interesse per il cibo che mangiano i genitori. Riesce a stare seduto sul seggiolone; postura che favorisce la digestione. Infine ha una certa coordinazione tra mani, occhi e bocca, riuscendo a portare alla bocca il cibo che afferra.

Schema svezzamento

Ecco uno schema svezzamento per inserire la frutta nell’alimentazione del bambino. Ad inizio svezzamento proponiamo la frutta omogeneizzata nei gusti pera, mela e banana. Quando introduciamo nuovi alimenti osserviamo la reazione del piccolino e proponiamoli maggiormente quelli che preferisce. In questo modo lo invoglieremo a sperimentare nuovi sapori.

A 4-5 mesi un vasetto di frutta da 40 grammi sarà sufficiente sia per la merenda a metà mattina, sia per lo spuntino del pomeriggio. Dai 7-8 mesi un intero vasetto potrà essere consumato per una sola merenda. Quando il bebè inizia ad avere confidenza con il cucchiaino possiamo preparagli la frutta grattugiata o cotta.

Per quella grattugiata privilegiamo mele farinose, facendo attenzione ad eliminare i filamenti. Dai 7 mesi possiamo introdurre nello schema svezzamento anche gli agrumi.

schema svezzamento

Come omogeneizzare la frutta? La ricetta è molto semplice: basta tagliare a pezzetti una mela o una pera, sbucciata e privata del torsolo. A questo punto la cuociamo a vapore per 10 minuti. Quindi frullarla fino a ridurla a poltiglia. Se non consumiamo subito l’alimento, per evitare che annerisca, possiamo amalgamare qualche goccia di limone.

Neonato 4 mesi

Il pediatra valuterà l’inizio dello svezzamento per il neonato 4 mesi. Ci sono bambini che gradiscono subito un’alimentazione diversa dal latte, altri hanno bisogno di più tempo. Sicuramente è meglio non iniziare lo svezzamento quando il bambino non è sereno, magari perché irrequieto a causa di un dentino che sta per spuntare. Oppure dopo il vaccino o se ha qualche linea di febbre.

Dopo aver iniziato a gustare la frutta a metà mattina, quando il cucchiaino è uno strumento noto, possiamo iniziare con le pappe, per l’ alimentazione del neonato. La prima sarà preparata con il brodo vegetale e la crema di mais e tapioca. Meglio non iniziare subito con il semolino perché contiene il glutine.

Neonato 6 mesi

Ormai il neonato 6 mesi ha iniziato a mangiare le pappe dello svezzamento, integrando sempre più alimenti. Alcuni piccini vogliono tenere in mano il cucchiaino, manipolare il cibo. Per loro toccare gli alimenti è un modo per esplorare il mondo che li circonda. Cerchiamo di avere un po’di pazienza e permettiamo loro di sporcarsi, prendere il cibo con le mani ed impiastricciarsi. Ecco, di seguito, una utile tabella svezzamento che ci suggerisce quando e quali alimenti introdurre.

neonato 6 mesi

Svezzamento neonato

Lo svezzamento neonato è una tappa importante dello sviluppo che vede protagonisti il bambino ed i genitori. Non solo cambia l’alimentazione. Il bambino non starà più tra le braccia della mamma ma seduto nel seggiolone, distante da lei. Se noi genitori vivremo con serenità questo cambiamento, come crescita condivisa con il nostro piccolo, il bebè sentirà la nostra sicurezza ed affronterà questo stadio con fiducia.

Mi occupo di genitorialità, prevalentemente, dall'accompagnamento alla nascita fino alla prima infanzia, in qualità di Counselor Professionista, Insegnante di massaggio Infantile e Prenatal Tutor , crescendo, insieme a tante mamme, grazie al prezioso sostegno dei miei bambini Email: t.runco@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *