foto_stafilococco_gravidanza

Stafilococco in gravidanza: cause, sintomi, tampone e cura

Stafilococco in gravidanza

Un’infezione da stafilococco in gravidanza può danneggiare il bambino? Queste infezioni non sono state ben studiate durante la gravidanza. Tuttavia, le stesse non sono state collegate a difetti di nascita. “Sono incinta e ho un’infezione da stafilococco. Posso ricevere dei trattamenti?” Sì. Molti antibiotici possono essere usati durante i trimestri di gravidanza. Cosa succede se il padre del bambino, un altro membro della famiglia o un amico ha un’infezione da stafilococco? Si deve evitare il contatto con lui o lei? Sì. Il contatto con una persona che ha infezione da stafiloccocco dovrebbe essere limitata.

È importante non condividere asciugamani, saponi, rasoi, o altri oggetti personali con persone contagiate dal batterio. Se avete bisogno di lavare la biancheria, i guanti di gomma devono essere utilizzati per il tutto. Lavare a temperatura più calda i vestiti ed asciugarli totalmente è basilare.

Non si devono toccare le piaghe, i tagli o le bende. Si deve lavare le mani con sapone e acqua dopo il contatto diretto con chiunque abbia un’infezione cutanea. In generale, le esposizioni che i padri hanno è improbabile che aumentino i rischi per una gravidanza e la trasmissione al feto.

Allattamento ed infezione da stafilococco: si possono prendere gli antibiotici? Sì. La maggior parte dei bambini al seno non hanno problemi quando le madri prendono antibiotici. Tuttavia, alcuni bambini potrebbero sviluppare eruzioni cutanee, orticaria o diarrea se sono allergici agli antibiotici. Se ciò accade, bisogna chiamare il pediatra di riferimento.

Può, invece il bambino al seno ricevere dalla donna un infezione da stafilococco? È possibile che un’infezione possa diffondersi da madre a bambino, o da bambino a madre, durante l’allattamento al contatto diretto con la pelle.

Inoltre, ci sono alcuni rapporti di neonati che ottengono infezione da stafilococco attraverso il latte materno contaminato. Pertanto, è importante lavare e sterilizzare accuratamente le attrezzature di pompaggio dei contenitori di stoccaggio, nonché le mani durante la spremitura del latte materno.

Il bambino potrebbe anche avere l’infezione se si ha una ferita infetta e il bambino entra in contatto con la stessa o pus, anche se non sta allattando. È importante mantenere la ferita coperta da bende.

Infezione da stafilococco

Stafilococco

Lo Stafilococco è un tipo di batterio (germe) presente sulla pelle o nel naso. Generalmente, le persone non hanno problemi con questa tipologia di batteri. Tuttavia, se lo stafilococco entra nel corpo attraverso un taglio, può causare dolori o vesciche dolorose sulla pelle, infezioni nei polmoni (polmonite).

In gravidanza ci si potrebbe confondere tra infezione da stafilococco ed infezione da streptococco. Nel caso dello streptococco è necessario eseguire il tampone in gravidanza. Il tampone rettale in gravidanza potrebbe essere fastidioso ma molto utile. Infatti, la rilevazione dello streptococco emolitico richiede la terapia antibiotica per evitare la trasmissione materno-fetale.

Tampone rettale in gravidanza: come si esegue? Si tratta di una procedura semplice, in cui la donna è in posizione generalmente ginecologica e l’ostetrica introdurrà un tampone a livello vaginale e rettale. La procedura dura pochi minuti.

Infezione da stafilococco

Le persone con maggiore rischio di infezione da stafilococco comprendono malati negli ospedali, in seguito ad interventi chirurgici o altre procedure mediche, persone che vivono in condizioni di sovraffollamento (rifugi o prigioni). Ancora, il rischio di esposizione aumenta nei tossico dipendenti, persone con sistemi immunitari indeboliti, atleti e personale militare.

Stafilocco sintomi

Mangiare cibo che è stato contaminato dallo stafilococco può anche causare intossicazione alimentare. I sintomi da stafilococco in genere coinvolgono vomito e diarrea con dolore allo stomaco, che inizierà entro poche ore dall’esposizione. Questo tipo di infezione non è in genere grave e non dura più di un giorno.

Stafilococco aureo

Lo stafilococco aureo è un microrganismo che definisce un’infezione, trasmessa per via diretta e indiretta. Starnuti, tosse o contatto diretto determinano il contagio. Il batterio si può individuare anche in urine e feci. I sintomi dello stafilococco aureo sono generalmente nausea, vomito e dissenteria, insieme a crampi addominali e problemi intestinali.

La terapia, come già detto, è a base di antibiotici. In più, potrebbe essere individuato dello stafilococco vaginale. L’urinocoltura positiva in gravidanza richiede, al di sopra di determinati livelli, una terapia antibiotica specifica.

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *