foto_bonus_bebe

Rinnovo bonus bebe: come chiedere ogni anno 80 euro per il bambino

Rinnovo bonus bebè

Il bonus bebè è una delle agevolazioni sulla maternità più conosciute. Fino al 31 dicembre 2017 è possibile procedere alla richiesta per le facilitazioni fiscali a sostegno della famiglia. Ma come funziona il rinnovo del bonus bebè se già una volta si è fatti la domanda dell’agevolazione statale?

Bonus bebè

Cos’è questo Bonus? Il Bonus Bebè è le misure più interessanti che la normativa italiana riserva per favorire la natalità. Creato nel 2015 con l’intento di aiutare famiglie con particolari condizioni reddituali, è diretto ai nuovi nati (anche adottati).

Il Bonus Bebè è rimasto praticamente identico a quello dello scorso anno, ma è indispensabile illustrare i requisiti per ottenerlo, le regole di presentazione della domanda e cosa fare per rinnovarlo.

Per ogni figlio nato tra il 1° gennaio 2015 e il 31 dicembre 2017 esiste il famoso Bonus Bebè. È un’erogazione mensile di 80 euro se il reddito della famiglia non supera i 25.000 euro annui; per le famiglie più disagiate, con un Isee inferiore, il bonus bebè raddoppia, cioè sia arriva alla somma di 160 euro al mese.

Il bonus bebè va a sostituire l’assegno per il primo figlio, perché è diretto a tutti i nuovi nati.

Per percepire il Bonus è necessario:

-essere cittadini italiani di uno Stato dell’UE o extracomunitario con permesso di soggiorno o rifugiato politico

-essere residenti in Italia

-convivere con il figlio.

La durata del sostegno economico è di 36 mesi, cioè fino ai 3 anni del bambino partendo dalla data di nascita.

Per ricevere il bonus bebè è necessario presentare un certificato Isee compreso fra i 7 mila e i 25 mila euro annui:

960 euro (80 euro al mese) se ISEE non superiore ai 25.000 euro.
1920 euro (160 euro al mese) se ISEE non superiore ai 7.000 euro.

foto_rinnovo_bonus_bebè

Inps bonus bebè

La domanda del bonus bebè deve essere presentata, entro 90 giorni dall’evento, sia esso il parto o l’avvenuta adozione, presso l’Inps seguendo i canali telematici dell’Istituto, chiamando il Call Center INPS o presso Patronati o CAF.

La domanda va presentata una sola volta. Se persistono le condizioni reddituali che hanno dato luogo all’approvazione della domanda per il bonus bebè, non si dovrà presentare nuovamente domanda.

Basterà rinnovare soltanto il modello isee che scade ogni 15 gennaio.

Cosa serve per l’Isee (Indicatore della Situazione Economica Equivalente)? Per ricevere un isee nuovo bisogna compilare la Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) che contiene le informazioni anagrafiche, reddituali e patrimoniali che delineano la condizione economica familiare.

Dove si fa l’Isee? Presso i Centri di assistenza fiscale (CAF), online all’INPS oppure al Comune di residenza.

Sono una psicologa e psicoterapeuta. Mi occupo principalmente di prima infanzia e sostegno alla genitorialità. Da sempre amo la scrittura e unirla alla passione per il mondo dei bambini mi incuriosisce! Il mio obiettivo è quello di diffondere informazioni, notizie e buone prassi psico-educative per le neo mamme e i loro pargoletti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *