foto_piedi

Perché in gravidanza cambiano le dimensioni dei piedi

Dimensioni e forma del piede cambiano in gravidanza

Il motivo per cui i piedi aumentano di dimensioni e cambiano la forma in gravidanza è spesso attribuito all’aumento di peso. In realtà questa modificazione potrebbe essere imputabile anche all’utilizzo di calzature che deformano il piede in una fase in cui vi è un aumento di liquidi corporei e si manifesta una fragilità tissutale dovuta proprio alla gestazione. Tuttavia oggi sembrerebbe che la colpa di questo fenomeno siano gli ormoni della gravidanza.

Gli ormoni e le modificazioni dei piedi in gravidanza

Gli estrogeni e il progesterone sono i famosi ormoni della gravidanza a cui si attribuiscono, nel bene e nel male, tutte le modificazioni che avvengono nel corpo di una donna in dolce attesa. Non è strano quindi che il loro aumento, progressivo rispetto alle quantità circolanti in una donna non incinta, sia in grado di colpire anche i piedi.

Quindi è normale che molte donne aumentino addirittura di una misura e che questa sia permanente ma non aggravata dalle gravidanze successive. Questa scoperta non è poi tanto strana, se si pensa che gli stessi ormoni sono addirittura capaci di alterare il bacino osseo della futura mamma.

Cambiamenti del piede irreversibili: perché?

Cambiamenti del piede irreversibili: perché?

L’utero si ingrandisce in gravidanza e così anche il cuore materno, perciò il meccanismo di cambiamento dei piedi è giustificato da una fase di forte vasodilatazione; per questo le donne che subiscono il famoso cambiamento di taglia sono le stesse che sono gravide in estate, poiché i vasi si dilatano più facilmente.

Il motivo per cui, però, questo cambiamento sia reversibile per cuore e utero è da riscontrarsi nella componente muscolare. I muscoli di cuore e utero sono particolarmente attivi e capaci di tornare in breve tempo alle dimensioni pre-gravidiche.

Al contrario i piedi, essendo in una posizione basale e non apicale (poggiano a terra per buona parte del tempo) vengono influenzati dai cambiamenti di flusso sanguigno che diventano persistenti.

Ostetrica, appassionata di ricerca clinica e scientifica. Sognatrice convinta, viaggio più del tempo che ho a disposizione e leggo libri nei rari momenti liberi che mi ritaglio. Scrivo e parlo tanto (troppo!) perché credo nell'enorme potere che ha l'informazione, e soprattutto nella forza che ogni donna ha nel mettere al mondo il proprio bambino. Email: c.lumia@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *