foto_bambino

I figli secondogeniti hanno sempre più successo nella vita

La rivalità tra fratelli è qualcosa di comune e normale in tutte le famiglie: ovviamente la rivalità deve essere sana e non portare ad inutili rancori. La rivalità che inevitabilmente c’è tra fratelli e sorelle può portare a qualcosa di buono. Infatti, secondo uno studio, i secondogeniti che discutono spesso con il fratello più grande, saranno persone di successo. Lo studio, realizzato dall’Università di Cambridge, ha osservato come le discussioni con i fratelli più grandi portino i figli più piccoli ad avere maggiori competenze sociali, un vocabolario più ampio e uno sviluppo intellettivo migliore.

Le discussioni con i fratelli aiutano i figli minori a sviluppare al meglio le loro capacità, ad avere più successo a scuola e quindi nella vita futura. Come ha spiegato il dottor Claire Hughes del Newnham College di Cambridge, i genitori spesso soffrono per i confronti talvolta molto accesi tra i loro figli. Le mamme e i papà dovrebbero però capire che le discussioni aiutano i figli, soprattutto i minori, ad imparare ad interagire: i bambini stanno quindi acquisendo importantissime abilità sociali.

I bambini cercano di essere sempre i migliori per farsi notare dai genitori

Inoltre, avere un fratello o una sorella porta concorrenza perché in un certo senso si cerca sempre di essere i migliori per avere maggiori attenzioni e amore da parte dei genitori. Questo però non è necessariamente negativo: cercando di essere sempre i migliori, i bambini impareranno ad impegnarsi in molte cose.

Soprattutto dal confronto con i fratelli maggiori, i bimbi impareranno a migliorare le loro interazioni sociali e saranno molto popolari a scuola grazie proprio a come sanno interagire.

Lo studio dell’Università di Cambridge ha analizzato il comportamento di 250 bambini. I ricercatori hanno notato come per i bambini una discussione con i fratelli più grandi è qualcosa che passa molto velocemente.

Spesso i bambini litigano ma dopo pochissimo tempo fanno pace per tornare a giocare insieme. Nonostante ciò queste discussioni sono davvero importanti e aiutano i bimbi a crescere meglio.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *