foto_pancione

Diabete gestazionale, è allarme: poche donne fanno lo screning precoce

Il diabete gestazionale è una condizione che colpisce le donne in gravidanza, caratterizzata da glicemia alta. Esiste un esame, lo screening del diabete gestazionale, che diagnostica il disturbo. Lo screening è basato sulla presenza di fattori di rischio. Per le donne ad alto rischio, che partono da una situazione di obesità o glicemia alterata nel primo trimestre, è previsto uno screening precoce da fare tra le 16 e le 18 settimane. Normalmente lo screening è da ripetere tra le 24 e le 27 settimane. Proprio tra la 24 e la 27 settimana anche le donne a medio rischio (familiarità, sovrappeso ecc.) devono eseguire lo screening. Per le donne senza fattori di rischio invece non è previsto alcuno screening.

Secondo uno studio presentato all’EASD di Lisbona dal medico Cristina Bianchi e altri ricercatori della Società Italiana di Diabetologia, solo la metà delle donne ad alto rischio si sottopongono allo screening precoce tra le 16 e le 18 settimane. Eppure le donne obese, o con glicemia a digiuno alterata nel primo trimestre, hanno un’alta probabilità di sviluppare il diabete gestionale.

Nella maggior parte dei casi lo screening precoce riesce a diagnosticare il diabete

I ricercatori hanno tenuto sotto controllo 1338 donne in gravidanza, in cura presso Centro Diabetologico dell’Ospedale di Cisanello (Pisa). Proprio lì hanno effettuato screening diabetologici tra il dicembre 2013 e il dicembre 2015. Il 14,4% delle donne valutate era ad alto rischio.

Di questo 14,4%, l’84,3% presentava un solo fattore di rischio maggiore (34,8% pregresso diabete gestazionale, 41,7% obesità e 7,8% alterata glicemia a digiuno nel primo trimestre). Il 15,7% presentava due fattori di rischio. Nessuna donna presentava tutti e 3 i fattori di rischio.

Solamente la metà delle donne a rischio aveva effettuato lo screening precoce. Soltanto il 28% delle donne alle quali il primo screening era risultato normale, ha ripetuto l’esame più avanti. Il 67% delle donne ad alto rischio hanno realmente avuto il diabete gestionale, e il 40% di queste donne lo ha scoperto già dallo screening precoce.

Tra le 16 e le 18 settimane è stato scoperto il diabete gestazionale nel 56% delle donne che lo aveva già avuto in altre gravidanze. Nel 67% delle donne obese è stato rilevato diabete gestazionale nel primo screening e allo stesso modo nell’80% delle donne con glicemia alterata nel primo trimestre.

“Il dato che preoccupa è quello relativo alla bassa proporzione di screening precoce del diabete gestazionale nelle donne ad alto rischio. I dati di questo studio dovranno essere oggetto di attenta valutazione non solo da parte degli specialisti e dei medici di medicina generale ma anche dalle autorità italiane che si occupano di salute pubblica.” ha dichiarato Giorgio Sesti, presidente della Società Italiana di Diabetologia.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Un'interazione con “Diabete gestazionale, è allarme: poche donne fanno lo screning precoce”

  1. Buongiorno Josephine, sono contenta che si sia dedicato un articolo al diabete gestizionale, spesso, a mio modo di vedere, dimenticato. Lo screening è importantissimo come sottolinea lei, per evitare anche disturbi legati al diabete gestazionale come la pelle secca. Ho letto ad esempio che una conseguenza del diabete è il cosidetto piede diabetico. E in un momento come la gravidanza in cui i vasi capillari si allargano è bene evitare ciò. Per cui viva la prevenzione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *