foto_cosa_non_mangiare_in_gravidanza_nei_primi_mesi

Cosa non mangiare in gravidanza nei primi mesi

Cosa non mangiare in gravidanza nei primi mesi?

Ci sono alcuni alimenti che non si dovrebbero mangiare quando si è in gravidanza. Diversi cibi dovrebbero essere evitati nei primi mesi di gestazione perché potrebbero far male o danneggiare il bambino. Per questo è importante assicurarsi di conoscere quali cibi si dovrebbe evitare in gravidanza. I migliori piatti da mangiare sono i cibi preparati con cura ed attenzione, nel rispetto di tante piccole regole igieniche.

Cosa non mangiare in gravidanza

Cosa non mangiare in gravidanza? Carni crude, i frutti di mare e le carni bovine non cotte devono essere evitati a causa del rischio di contaminazione con i batteri, la toxoplasmosi e la salmonella.

Il sushi deve essere evitato durante la gravidanza, così come i pesci che contengono alti livelli di mercurio. Il mercurio assorbito durante la gravidanza può creare ritardi nello sviluppo e danni al cervello del futuro nascituro.

Pure i frutti di mare e crostacei crudi affumicati devono essere evitati durante la gravidanza, così come i pesci dai laghi contaminati e dai fiumi che possono essere esposti ad alti livelli di sostanze tossiche.

Cibi da evitare in gravidanza

Le uova crude devono essere evitate durante la gravidanza a causa della potenziale esposizione alla salmonella. I ristoranti dovrebbero usare le uova pastorizzate in qualsiasi ricetta che sia fatta con uova crude.

Inoltre, durante la gravidanza devono essere evitati formaggi morbidi. Allo stesso modo, il latte non pastorizzato deve essere evitato durante la gravidanza. Invece, la mozzarella in gravidanza con latte pastorizzato può essere tranquillamente mangiata.

Il consumo di caffeina deve essere moderato durante la gravidanza. La moderata assunzione di caffeina durante la dolce attesa. È importante bere molta acqua, succo e latte piuttosto che bevande a base di caffeina. Alcune ricerche dimostrano che grandi quantità di caffeina sono associate ad aborto spontaneo, alla nascita prematura, al basso peso alla nascita. Il limite è di 2-3 tazzine al giorno.

È buona norma evitare anche i cibi fritti durante i nove mesi della gestazione.

Dieta in gravidanza

Che cosa significa fare la dieta durante la gravidanza? Quando ci riferiamo alla dieta in gravidanza, non stiamo parlando di limitare le calorie o di perdere peso. La dieta per perdere peso durante la gravidanza può essere pericolosa per mamma e bambino. Questo avviene perché una dieta rigida può limitare importanti nutrienti come ferro, acido folico e altre vitamine e minerali fondamentali. Esclusivamente in casi specifici, potrebbe essere consigliato condurre una dieta dimagrante. Tale regime dietetico potrà essere condotto solo con la presenza di personale qualificato.

Dieta inizio gravidanza

Il tipo di dieta da avere in gravidanza si riferisce a una regolarizzazione delle abitudini alimentari per assicurare un’alimentazione adeguata. Mangiare sano durante la gravidanza è fondamentale per la crescita e lo sviluppo del bambino.

Dieta in gravidanza

Tabella peso gravidanza

L’assunzione calorica deve essere aumentata per garantire un adeguato sviluppo del feto durante la gravidanza. La quantità di peso acquisito varia da donna a donna. Un guadagno di peso insufficiente può compromettere la salute del feto e causare la nascita prematura.

Allo stesso modo, un aumento di peso eccessivo può comportare rischi per la madre e il feto, causare complicanze del travaglio o aumentare il rischio di avere un taglio cesareo. Le donne in sovrappeso possono scegliere di pianificare una dieta sana per aiutare a controllare l’incremento ponderale.

Sulla base di questo, sono esistenti delle tabelle di peso in gravidanza. Sulla base dell’indice di massa corporea di partenza è indicato il range di incremento ponderale indicato sia a termine di gravidanza che mensilmente.

Alimentazione in gravidanza

Per ottenere i nutrienti necessari si deve mangiare in gravidanza una varietà di gruppi alimentari. Tra questi, basilari sono: frutta e verdura, pane e cereali, fonti di proteine e prodotti lattiero caseari. In genere, è necessario consumare altre 300 calorie al giorno rispetto alle quantità al di fuori della gravidanza.

Cosa mangiare in gravidanza

Frutta e verdura contengono molti nutrienti per la gravidanza: in particolare, la vitamina C e l’acido folico. Le donne in gravidanza necessitano almeno di 70 mg di vitamina C quotidianamente, contenuta in frutti come le arance, i pompelmi e verdure come i broccoli. Per prevenire i difetti del tubo neurale, è raccomandato assumere 0,4 mg di acido folico al giorno in gravidanza.

La principale fonte energetica del corpo per la gravidanza proviene dai carboidrati essenziali presenti in pane e grano. Il grano intero e prodotti arricchiti forniscono importanti sostanze nutritive come ferro, vitamine B, fibre e alcune proteine.

Carne, pesce, uova e fagioli contengono le proteine, la vitamine B e il ferro necessari in gravidanza. Il bambino richiede molte proteine, soprattutto nel secondo e terzo trimestre. Il ferro aiuta a trasportare ossigeno al bambino e porta anche ossigeno ai muscoli per evitare sintomi quali stanchezza, debolezza, irritabilità e depressione.

Primi mesi

Cosa aspettarsi nei primi mesi di gravidanza? In primis, tanti cambiamenti nel corpo. La gravidanza è diversa per ogni donna. Alcune donne hanno una buona salute e tanta vitalità durante i primi tre mesi. Altre si sentono assolutamente stanche.

Primi mesi di gravidanza

I sintomi della gravidanza nel primo mese sono simili a quelli della sindrome premestruale. Pertanto, sono confusi. Questi si verificano enormemente a causa degli ormoni della gravidanza rilasciati nel corpo all’epoca dell’annidamento (cioè, quando l’embrione si impianta nell’utero).

Non si ha più la mestruazione, potrebbe esserci una piccola perdita al tredicesimo giorno dopo la fecondazione. La donna potrebbe vivere le prime nausee e percepire sensazione di vomito, oltre che stanchezza. Il piccolo embrione cresce dentro di sé e i primi mesi di gravidanza sono i più importanti per lui/lei.


Leggi anche: Alimentazione in gravidanza, quanti pasti fare al giorno


Acidità in gravidanza

L’acidità in gravidanza è una sensazione di bruciore che spesso si estende a livello epigastrico, esattamente sotto il petto. Molte donne sperimentano il bruciore di stomaco per la prima volta durante la gravidanza, e anche se è comune e generalmente innocuo, può essere abbastanza fastidioso.

Il bruciore di stomaco in gravidanza inizia generalmente nel secondo o terzo trimestre, ma può essere anticipato per alcune donne. Il disagio probabilmente ci sarà fino alla nascita del bambino. Le donne che assumono troppo peso durante la gravidanza potrebbero continuare ad avere il bruciore di stomaco fino a un anno dopo il parto.

23 anni di Catanzaro - ORGOGLISAMENTE Ostetrica. E' l' avventura più bella che potessi immaginare di vivere: testimone della vita che nasce. "Ho visto in sala parto la potenza delle cose" il mio motto. Animatrice per bambini, conduttrice di corsi di preparazione al parto, Ost.ca volontaria in Ospedale. Possiedo un master presso l' Università di Firenze, con diverse competenze ecografiche e cliniche. Email: c.polizzese@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *