Come cambia la testa del neonato dopo il parto

Post-parto: come cambia la testa del neonato

Sicuramente avrete fatto caso a come la testolina del neonato al momento del parto, e nei giorni immediatamente successivi, subisca delle continue modifiche fisiologiche. Non allarmatevi: quello della testa che “cambia” è un fenomeno assolutamente normale, inerente il cranio dei neonati che, di giorno in giorno, assumono una conformazione piuttosto bizzarra, tanto da sembrare quasi distorta.

La forma della testa è irregolare: che succede?

Innanzitutto, è bene sottolineare che la testa del neonato dopo il parto non è quasi mai simmetrica, ma può sembrare appiattita, schiacciata, allargata, a forma di “cono”. Insomma: non presenterà di certo una forma perfettamente regolare. Che succede, dunque?

Le “fontanelle”: cosa sono e come funzionano

Il fenomeno della “testa in divenire” comporta la formazione delle fontanelle. Con questo termine si intendono delle membrane molli che vanno a ricoprire le ossa della testa nei punti dove le stesse non sono ancora ben salde e definite.

In molti, infatti, hanno paura a toccare la testa dei neonati per paura non solo di fargli male, ma anche di apportare modifiche alla testolina ancora molto fragile. Ebbene, a differenza di quanto si creda, le fontanelle non sono fragili, anzi: possono essere toccate e sono in grado di resistere anche ai piccoli colpi.

Sviluppo della testa: quando avviene in modo definitivo

Le fontanelle si chiuderanno nel momento in cui le ossa del cranio si avvicineranno tra di loro, congiungendosi. Lo sviluppo completo della testa del neonato pertanto non avviene subito dopo il parto, nemmeno dopo i primi mesi: bisognerà aspettare almeno il primo anno di vita.

E se le fontanelle non si chiudono?

Durante questo periodo di tempo, il cervello continua a crescere costantemente, grazie alla continua conformazione delle fontanelle. Qualora queste non dovessero chiudersi regolarmente, sarà necessario consultare un medico: si potrebbe trattare di patologie particolari che richiederebbero controlli specifici.

Studentessa a Tor Vergata, da sempre appassionata di giornalismo e comunicazione. Per Passione Mamma mi occupo di notizie d'attualità e curiosità sui bambini. Non ho ancora figli ma quando sarà il momento non sarò di certo una mamma impreparata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *