foto_cellulare

Il cellulare in gravidanza NON fa male al bambino

L’uso del cellulare in gravidanza da parte della mamma non provoca danni al bambino. L’incredibile studio confuta una credenza radicata tra la gente, ovvero che le onde del cellulare possano provocare danni al feto. In realtà non è così e a dimostrarlo è una recente ricerca norvegese. L’istituto norvegese di sanità pubblica ha raccolto i dati relativi a 45.000 madri in dolce attesa, studiando anche, dopo il parto, i loro figli. La ricerca aveva come scopo quello di individuare il nesso tra l’utilizzo del cellulare da parte delle mamme e gli eventuali danni neurologici nel bambino.

Lo studio è stato pubblicato da BMC Public Health online. La ricerca ha evidenziato che le donne che utilizzano molto il cellulare in gravidanza non avranno bambini con danni neurologici, come invece si pensava in precedenza. Anzi, al contrario, lo studio ha evidenziato che i bambini nati da madri che utilizzavano spesso in gravidanza i dispositivi elettronici, avevano meno problemi neurologici rispetto agli altri.

Alcune ricerche precedenti a questa, condotte soprattutto sugli animali, avevano fatto preoccupare gli studiosi. Queste ricerche evidenziavano infatti una correlazione tra utilizzo eccessivo del cellulare nelle madri e bambini con problemi neurologici e cerebrali.

Queste ricerche però avevano preso in considerazioni campioni troppo esigui ed erano durate troppo poco tempo per comprendere realmente le conseguenze delle onde elettromagnetiche emesse dai cellulari. Tali studi non erano quindi considerati attendibili.

L’Istituto norvegese per la sanità pubblica ha realizzato la ricerca coordinato da Jan Alexander. Questo studio ha preso in considerazione 45.389 coppie di madri e figli. La ricerca ha analizzato l’utilizzo di dispositivi elettronici da parte delle madri in dolce attesa.

Nei figli è stata analizzata la capacità di linguaggio, abilità motorie e comunicazione all’età di 3 e 5 anni. Il 10% delle donne ha dichiarato di non aver mai utilizzato cellulari in gravidanza, o di averlo fatto molto raramente. Il 39% delle donne ne ha fatto un uso limitato mentre il 47% un uso medio. Il 4% delle mamme ha invece dichiarato di aver utilizzato il cellulare molto spesso in gravidanza.

Le utenti sono state classificate in basse, medie e elevate

Le utenti “basse” hanno utilizzato il telefono poche volte a settimana. Quelle “medie” hanno utilizzato il telefono ogni giorno ma per poco tempo e quelle “elevate” almeno un’ora al giorno. Al contrario di quanto emerso dalle ricerche precedenti, i bambini nati da donne che facevano un utilizzo elevato di dispositivi elettronici, non hanno riportato danni neurologici e cerebrali.

Questi bambini a 3 anni presentavano un rischio del 27% inferiore di un cattivo sviluppo del linguaggio, del 14% inferiore di lacune grammaticali e del 18% inferiore di problemi motori.

“Non abbiamo trovato alcuna evidenza di un effetto nocivo della madre che utilizza il cellulare durante la gravidanza sullo sviluppo neuro-cerebrale del figlio a 3 e 5 anni. Sorprendentemente, più la madre usava il cellulare durante la gravidanza, maggiori erano le capacità di sviluppo del linguaggio e del le abilità motorie del bambino a 3 anni.” ha spiegato Jan Alexander.

Nonostante i risultati siano positivi, i ricercatori hanno spiegato che le madri potrebbero aver fornito dati imprecisi, non dicendo realmente quali sono le capacità del bambino a 3 anni.

Per questo motivo non è certo al 100% che l’esposizione a onde elettromagnetiche non provochi danni cerebrali, nonostante in questi casi analizzati non vi siano stati problemi per i bambini.

Studio Scienze della Comunicazione a Roma, amo il giornalismo e la scrittura. Non sono ancora mamma ma spero di avere una famiglia numerosa e felice. Adoro i bambini, la loro innocenza, spensieratezza e fantasia. "I fanciulli trovano tutto nel nulla, gli uomini il nulla nel tutto." (G.Leopardi)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *