secondo parto naturale è meno doloroso

Il secondo parto è più veloce del primo: ecco perché

Il secondo parto è più veloce

La seconda gravidanza pone le donne in una condizione psicologica differente rispetto alla prima: maggiore è la consapevolezza del proprio corpo e dei suoi cambiamenti, degli eventuali disturbi legati alla gestazione e i rimedi da adottare. La donna sa cosa aspettarsi e questo, se da un lato può rivelarsi un vantaggio, dall’altro accresce ansie legate soprattutto al parto, al dolore provato e alla sua tempistica.

Dilatazione parto

È bene ricordare che il secondo parto non potrà mai essere uguale al primo, nel bene e nel male… perché ogni parto, come ogni gravidanza, è diversa. In linea di massima, in condizioni di normalità, il secondo parto è più veloce e questo è vero se consideriamo che i tessuti rigidi del primo parto, diventano più lassi dal secondo in avanti.

Il travaglio di parto si compone di tre fasi:

-Primo stadio: dilatazione-durata variabile, mediamente 6/7 ore nelle nullipare, si conclude con la dilatazione completa della cervice;

-Secondo stadio: espulsione-durata variabile, mediamente 1 ora nelle para 0, si conclude con la dilatazione della vagina e l’espulsione fetale;

-Terzo stadio: secondamento o espulsione della placenta, mediamente 30 minuti nelle para 0, si concretizza con la fuoriuscita della placenta e suoi annessi.

il secondo parto è più veloce

Durata secondo parto

La durata del travaglio al secondo figlio è minore, quasi si dimezza, tuttavia questa non è una regola. Molto dipende da alcuni fattori, quali la tonicità ed elasticità delle fibre muscolari, dalla grandezza del bambino, dalla rottura precoce o meno delle membrane, dalla qualità delle contrazioni, dalla presenza di ostacoli alla progressione (vedi giri di funicolo intorno al collo o agli arti del piccolo).

Quanto fa male partorire? Se è accertato che in linea di massima il secondo parto è più rapido del primo, nulla si può dire riguardo la sua dolorosità.

Il secondo parto naturale non è meno doloroso del primo. Ogni donna ha una soglia del dolore differente, una resistenza diversa alle sollecitazioni dolorose. Non si può affermare che il secondo parto sia meno doloroso perché ogni parto è una storia a sé e le risposte fisiche sono individuali.


Leggi anche: Secondo parto naturale è meno doloroso


Per le donne che hanno subito un primo cesareo, è alta la probabilità di un secondo parto cesareo. Se si tratta di parti d’elezione (pianificati), la gestante non proverà l’esperienza del travaglio, a meno che, dopo un primo TC, le condizioni favorevoli della gravidanza permettano un VBAC.

Testarda e curiosa, sempre alla ricerca di nuovi stimoli. Trascorro il mio tempo libero viaggiando: adoro sorprendermi osservando fenomeni naturali o ciò che l'uomo è riuscito a creare nei secoli. Laureata in Ostetricia e Masterizzata in Management e Coordinamento, ho deciso di scrivere su PassioneMamma per condividere con voi le mie conoscenze.

2 interazioni con “Il secondo parto è più veloce del primo: ecco perché”

  1. Io ho partorito 3 mesi fa una bellissima bimba, il parto è stato davvero difficile, 23 ore di travaglio e mi sono lacerata. Ho avuto. Più di 40 punti interni ed esterni, in più la placenta non veniva via e ci hanno messo quasi 2 ore per ripulirmi. Ora desidero tanto il secondo figlio ma ho tanta paura.

  2. Io ho avuto due parti ed ognuno diverso dall’altro ma entrambi molto emozionanti perché desiderati cn tutto amore. Con il primo mi sono sbrigata in 3 ore ed arrivata all’ospedale con 5 cm di dilatazione. Nel partorine mi hanno dovuto tagliare xké ero troppo stretta ed cm era messo nn riusciva ad uscire. Invece con il secondo mi sn sbrigata in due ore ed arrivata con 7 cm di dilatazione. Qst l’ho vissuto un Po dramatico xké già ero consapevole delle contrazione ed il dolore era allucinante mentre ero attaccata al monitor delle contrazione e qnd arrivava a 100 mi piegavo in due dal dolore. Ma alla fine qnd me lo hanno messo tra le braccia ho dimenticato tutto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *