autismo sintomi

Autismo e vaccini NON sono correlati: la prova che lo dimostra

Autismo e vaccini

Negli ultimi anni, alcuni genitori di bambini affetti da patologia autistica hanno ritenuto che la somministrazione del trivalente, ovvero il vaccino anti morbillo, parotite e rosolia, potesse avere causato nel figlio la comparsa dei sintomi di autismo.

Autismo

In particolare della cosiddetta “forma regressiva”, che si verifica nel 20 al 30% dei casi, in cui fra il primo e il secondo anno di vita si osserva appunto una evidente regressione delle competenze sociali e comunicative e la comparsa di sintomi conclamati di autismo.

Vaccino trivalente

I vaccini anti morbillo, parotite e rosolia vengono per lo più somministrati insieme, attraverso la vaccinazione trivalente (MMR). Questo avviene perché la loro combinazione in una somministrazione unica si è dimostrata più efficace nel prevenire le malattie. Pur non obbligatoria attualmente in Italia, la vaccinazione non può di certo essere considerata facilmente trascurabile. Il morbillo, infatti, è una malattia infettiva grave, che causa tuttora epidemie e morti. Esso può determinare complicanze a livello del sistema nervoso centrale, la panencefalite sclerosante subacuta.

Trivalente

Per quanto riguarda la parotite e la rosolia, anch’esse comportano il rischio di avere gravi complicazioni. Infatti, anche la parotite può causare encefalite, mentre la rosolia contratta dalla madre durante le prime fasi della gravidanza è responsabile della sindrome da rosolia congenita, che provoca danni cerebrali, deficit sensoriali e condizioni di tipo autistico nel bambino.

Autismo cause

Due fattori contribuiscono a identificare nell’effetto delle vaccinazioni dei bambini una delle possibili cause di autismo. Da tenere in considerazione è l’età di insorgenza dei sintomi più caratteristici, che evidenziano come si manifesta l’autismo. Essi normalmente non emergono fino al secondo anno di vita del bambino, che è anche la fase in cui viene somministrato il vaccino trivalente. Inoltre, bisogna considerare anche l’apparente incremento dell’incidenza dell’autismo.

autismo e vaccini

Correlazione

I danni da vaccino sono legati alle ipotesi di correlazione fra vaccino MMR e autismo. Tali ipotesi si basano sul riscontro del drammatico aumento dei casi di autismo negli ultimi due decenni, in concomitanza alla diffusione dell’uso del vaccino MMR.

Peripatetica

I timori di una presunta responsabilità del vaccino MMR nell’aumentata incidenza dell’autismo sono stati ripresi dai media e alcuni genitori hanno deciso di rifiutare le vaccinazioni ai propri bambini, nel tentativo di proteggerli dai “vaccini pericolosi” e dall’insorgenza dell’autismo. Nel 1998 il ricercatore inglese Andrew Wakefield riportò, in un articolo sul Lancet, la descrizione di dodici casi clinici di bambini che lamentavano disturbi gastrointestinali. In otto dei dodici casi coesisteva anche l’insorgenza di disturbi tipici dell’autismo entro un mese dall’avvenuta vaccinazione MMR.

Vaccini e autismo

L’articolo esponeva l’ipotesi secondo cui il vaccino era la causa di un’infiammazione intestinale con aumento della permeabilità e passaggio nel sistema nervoso centrale di sostanze tossiche in grado di dare successivamente luogo all’autismo. Per questo la notizia provocò in Gran Bretagna e nel mondo un crollo della fiducia nei programmi di vaccinazione, ed una significativa riduzione del numero dei bambini sottoposti a immunizzazione contro morbillo, parotite e rosolia.

Vaccini bambini

Sono stati condotti numerosi studi a riguardo e l’evidenza scientifica smentisce l’esistenza di una correlazione tra vaccino MMR e disturbi dello spettro autistico. Nonostante la smentita, l’ipotesi di Wakefield continua a destare allarme nella popolazione, inducendo una resistenza verso la vaccinazione trivalente MMR e sfiducia verso le vaccinazioni infantili. Wakefield a difesa delle sue ipotesi, accusava le multinazionali del farmaco di complotti atti a nascondere al pubblico la pericolosità dei loro prodotti.

Ma oltre a non essere mai stata dimostrata, questa accusa non ha basi solide. Infatti il miglioramento dello stato di salute della popolazione, non è una minaccia né per i produttori di farmaci né per i medici, che anzi acquisiscono credito curando le malattie, non causandole.


Leggi anche: Sintomi autismo, come riconoscerli subito nel bambino


L’allarmismo infondato nei confronti della pericolosità del vaccino MMR e del suo potenziale ruolo nel determinare l’autismo mette a grave repentaglio la salute dei nostri bambini. Ogni evidenza scientifica disponibile dimostra che la mancata vaccinazione trivalente MMR mette i bambini a rischio di infezioni che potrebbero causare gravi malattie e morti.

Sono un'ostetrica e svolgo con passione e dedizione il mio lavoro, orgogliosa, testarda e determinata in tutto quello che faccio. In virtù di questo continuo a studiare e specializzarmi per aumentare la mia preparazione, svolgo attività di volontariato e conduco corsi di accompagnamento alla nascita. Inoltre, adoro comunicare e mettere a disposizione delle donne le mie conoscenze e competenze!! :) Email: j.gugliotta@passionemamma.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *